Musica digitale, Google e Amazon in lizza per eMusic?

Un'altra colonna portante della "Web music" indipendente sta per cedere alle lusinghe delle aziende dal portafoglio pesante? Circola voce insistente che eMusic, una delle maggiori piattaforme di distribuzione on-line distintasi finora per l'ampia offerta di musica "indie" senza drm e a prezzi competitivi rispetto a quelli di iTunes, interessi e molto a società come Google e Amazon, desiderose di sfidare la leadership della Apple. Qualcuno anticipa anche un ipotetico prezzo di vendita: circa 100 milioni di dollari, cifra che tuttavia non tutti sono disposti a sottoscrivere.
eMusic, nel frattempo, vive un momento travagliato: dal suo catalogo sono scomparsi improvvisamente album e canzoni della Vice Recordings (Bloc Party, Streets, Stills). Il motivo sarebbe economico: divergenze sulla spartizione degli utili di vendita.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.