Federico Zampaglione (Tiromancino): ‘Amo il cinema, ma la musica è mia moglie’

Federico Zampaglione (Tiromancino): ‘Amo il cinema, ma la musica è mia moglie’
Federico Zampaglione, mente e leader dei Tiromancino, ha presentato il film con cui debutta alla regia, “Nero bifamiliare”, e il suo nuovo disco “L’alba di domani”.
“Avevo paura che lavorando al film avrei avuto poco tempo per la musica, e invece è successo il contrario, paradossalmente la musica mi è venuta a cercare, reclamava il suo posto, certe volte mi svegliavo di notte con un’idea, si è stabilito un rapporto simile a quello di moglie-amante, quindi la musica, mia moglie, non ne ha voluto sapere di mettersi da parte”, ha spiegato Zampaglione.
L’album, suonato quasi totalmente dal musicista romano nelle notti tra un set e l’altro, vede la sua compagna, Claudia Gerini, già protagonista del film, cantare in un brano del disco (“Nina de luna”) e firmare due testi. “Questo disco inizialmente era pensato solo come una colonna sonora, ma giorno dopo giorno mi sono ritrovato ad aver nuove prospettive. Non volevo più raccontare solo le mie emozioni, ma raccontare anche le storie di altre persone. Questo mi ha reso più un narratore rispetto al passato”, ha spiegato Federico. “In questo album ho dato più importanza agli strumenti. Ho usato un vecchio vocoder e una vecchia tastiera Prophet, che devi accendere e far scaldare un’ora, altrimenti è stonata. Il bello di queste macchine è che devono essere un po’ scassate, arrugginite, imprevedibili”.
Il nuovo album dei Tiromancino vede il ritorno di una vecchia collaborazione, quella tra Federico e il fratello Francesco: “Il nostro rapporto si è appianato dopo tanti anni difficili. Lui ha scritto una canzone per me, 'Non per l’eternità', che io ho interpretato. Ma non è l’unico componente della mia famiglia che ha partecipato a questo disco, con mio padre Domenico ho composto il singolo 'L’alba di domani' e 'Poveri uomini'”.
Nella colonna sonora, oltre ad una canzone in inglese e una in spagnolo, fa capolino anche un brano di Franco Califano rivisitata in versione strumentale: “Avevo una scena in cui c’era un concerto di musicisti zingari e così ho scelto di riscrivere il brano di Franco, che considero uno dei più grandi autori della musica italiana”.
Da giugno fino a settembre i Tiromancino saranno in tour in Italia e, probabilmente, lo spettacolo sarà influenzato dalla recente l’esperienza cinematografica di Zampaglione: “Fino ad oggi non ho posto molta attenzione nel lato visivo dei nostri spettacoli, ma ora ho delle idee in mente che vorrei realizzare, anche se ora è troppo presto per dire qualcosa di certo”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.