Diritti d'autore sui download: in Canada interviene il governo

Il Canada è il primo paese al mondo a fissare d'autorità i compensi dovuti agli autori sui download e gli abbonamenti musicali su Internet: 7,9 % del prezzo di ogni file scaricato permanentemente dal consumatore, 5,9 e 4,6 % del canone di abbonamento pagato, rispettivamente, per i download "a noleggio" e lo streaming on-demand. Le tariffe, stabilite dall'agenzia federale governativa Canadian Copyright Board, vengono incontro solo parzialmente alle richieste (più elevate) avanzate dalle associazioni di categoria a titolo di equo compenso.
Music Biz Cafe, parla Luca De Gennaro (Direttore VH1 Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.