Comunicato Stampa: John Abercrombie live a Roma dopo quattro anni

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

JOHN ABERCROMBIE
www.johnabercrombie.com

che ritorna in concerto a Roma dopo 4 anni alla Palma

LUNEDI’ 26 MARZO

in un quartet che vede John Abercrombie alle chitarre, Marc Feldman al violino, Marc Johnson al contrabbasso e Joey Baron alla batteria

La Palma
Via Giuseppe Mirri 35 - 00159 Roma
Tel 06 43566581 – 06 43599029
www.lapalmaclub.it
info@lapalmaclub.it

Ore 22,30
Ingresso 12 Euro

Abercrombie e’ stato tra i primi chitarristi ad unire la tradizione della chitarra jazz al clima emergente dell’estetica del rock e del jazz-rock, precedendo stilisticamente il piu’ acclamato Pat Metheny.

Indiscusso specialista di primissimo piano della chitarra jazz da almeno tre decenni, John Abercrombie e’ nato nel 1944 a Port Chester, nello Stato di N.Y. Dopo aver suonato in band studentesche, studia al Berklee College of Music di Boston, ottenendo la prima scrittura professionale nel gruppo dell’organista Johnny “Hammond” Smith. In seguito milita in uno dei gruppi seminali del jazz-rock, i Dreams, trovandosi fianco a fianco dei fratelli Brecker e del batterista Billy Cobham.

Negli anni Settanta suona con l’orchestra di Gil Evans, Gato Barbieri, Chico Hamilton ed Enrico Rava. Nello stesso decennio entra in contatto con il produttore Manfred Eicher, diventando uno degli artisti di punta della ECM, alla quale e’ tuttora legato. Per l’etichetta tedesca registra quindi dischi importanti come Timeless e Sargasso Sea (in duo con Ralph Towner), significativi documenti del suo stile del periodo, cosi’ come lo sono gli album realizzati con Dave Holland e Jack DeJohnette, ovvero il trio Gateway, supergruppo ricostituito negli anni Novanta.

Negli anni Ottanta, Abercrombie forma un altro trio di grande valore, con Marc Johnson al contrabbasso e Peter Erskine alla batteria; più recente è invece il gruppo con Dan Wall all’hammond e Adam Nussbaum alla batteria.

Negli ultimi anni il suo stile maturo ha sempre più recuperato una certa tradizione che da Jim Hall porta a Bill Evans, aggiungendovi una ricerca sonora che sfocia nell’uso dell’elettronica grazie all’utilizzo della chitarra synth e della chitarra-mandolino. La sua ultima formazione, quella di questo tour, è un quartetto formato dal fedele Marc Johnson, noto per essere stato uno degli ultimi collaboratori di Bill Evans, da un batterista pirotecnico come Joey Baron che, prima con le mani e poi con le bacchette, esplora le piu’ recondite potenzialita’ del suo strumento, e dal violinista Marc Feldman, la cui sonorita’ spinge la musica di Abercrombie verso atmosfere decisamente contemporanee ma di rara bellezza ed originalita’, in una perfetta sinergia tra chitarra e violino, quasi a voler dimostrare che i due strumenti sono più affini e complementari di quanto si possa comunemente presupporre. Insieme a loro Abercrombie ha registrato il suo ultimo album dal titolo Cat’n’ Mouse. Solista raffinato, il cui stile e’ una compiuta sintesi tra la moderna scuola della chitarra jazz ed elementi presi dal rock, Abercrombie ha anche all’attivo una proficua collaborazione con il sassofonista Charles Lloyd, insieme al quale ha registrato gli album Voice in the night, The water is wide e Hyperion with higgins.

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
Sito Web: www.elisabettacastiglioni.com
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.