Comunicato Stampa: Gli appuntamenti live di Club Culture

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Mercoledì 7 marzo:
Prins Thomas - Louie Austen live Milano, Private Party

Il norvegese Thomas M. Hermanses alias Prins Thomas nasce come eclettico musicista (dal punk al gospel, dal country all’ heavy metal al folk alla musica psichedelica) e collezionista di vinili. Nel 2003 incontra Hans-Peter Lindstrom: insieme fondano ben tre etichette discografiche (Feedelity, Full Pupp e Tamburin), in cui Lindstrom apporta la sua eminenza nel missaggio (muso-wizard) mentre Prins Thomas le sue eccelse abilità di remixer (underdog remix-champ). Sebbene lavorino spesso in qualità di duo, entrambi continuano i loro progetti solisti, tenendo sempre ben in mente l’obbiettivo di una futuristica versione della disco, esibendosi sia con vinile che con supporti multimediali. Lo stile di Prins Thomas è accumunabile a quello di bands come Munk, Idjut Bous, WhoMadeWho, The Glimmers, Rub'n'Tug ed Headman, capaci di miscelare in modo acrobatico il funk, la disco e sprazzi di electro-punk.

Dopo aver accompagnato per anni Frank Sinatra, Al Green, Art Farmer e Judy Davies, Louie Austen si cimenta con beats e bassline di matrice elettronica e firma due piccoli capolavori quali la struggente Hoping, rivisitata magistralmente da Matthew Herbert, ed Amore, esotica e surreale disco music, che si guadagna in Italia persino una licenza con la Nitelite, una delle principali label del circuito dance nazionale. Il suo nome comincia a comparire al fianco di quello di Jimi Tenor, Gonzales e Peaches. Insieme agli inseparabili produttori austriaci Neugebauer e Pulsinger della Cheap Records, lavora sul suo terzo album Easy love, canto ironico e disilluso dell’eterno gioco della seduzione e delle sue vicende ricche di pathos. La sua possente ugola domina costantemente un originale e suggestivo impasto sonoro tra la migliore dance anni '80, ritmiche house, movimenti dub, easy listening, citazioni rap ed un pizzico di jazz. All'età di 60 anni, pubblica il suo ultimissimo album dal titolo Iguana un'ulteriore prova della sua camaleontica capacità di attraversare gli anni ed i generi.

Venerdì 9 marzo:
DJ T > Napoli, Orbeat @ Glam

Sabato 10 marzo:
DJ T Verona, Alter Ego

E' dal 1977, fin dalla tenera età di 8 anni, che Thomas Koch aka Dj T comincia a collezionare vinile. Fin dai primi anni '80 il suo interesse si rivolge alla oramai fase conclusiva della discomusic e saranno artisti quali Grandmaster Flash ed il movimento glam funk newyorkese ad introdurre Thomas alle sonorità hip-hop, funk e soul. Nel 2002 Dj T, insieme ai produttori Patrick Bodmer e Philipp Jung aka M.A.N.D.Y. ed al collettivo Booka Shade fonda l'etichetta Get Physical Music, distribuita in Italia da karma distribuzioni. Contribuisce in prima persona, in qualità di produttore, al successo planetario che in pochi anni l'etichetta tedesca si conquista meritatamente, coniugando meglio di chiunque altro sonorità electro e ritmiche house.Nel suo primo album "Boogie Playground", distribuito in Italia da Karma, mescolando sapientemente elementi che vanno dalla disco, al funk e all'electro ma che passano anche attraverso sonorità Detroit e Chicago, Dj T riscopre lo spirito degli anni della sua formazione musicale, consegnandoci un artista indubitabilmente tra i più importanti della odierna scena elettronica internazionale.

Sabato 10 marzo:
Mathew Jonson live Roma, Eclettica @ Brancaleone

Mathew Jonson arriva dalla fredda Vancouver, Canada. Negli ultimi anni si ritaglia un posto di rilievo nel panorama elettronico amalgamando acrobaticamente jazz, fusion, drum'n'bass ad house e techno. Le sue produzioni compaiono sulle label Itiswhatitis, Perlon, Sub Static, Arbutus e Kompakt Extra, mentre recentemente fonda la sua personale etichetta Wagon Repair con l'intento di pubblicare la musica che più ama racchiudendola negli art-work di giovani artisti. Tra i suoi fans troviamo Ritchie Hawtin, che pubblica su Minus la travolgente “Decompression”, Sven Väth, Laurent Garnier, Gilles Peterson e Tiga. “Best Producer of 2004” secondo il celebre magazine Groove, Mathew si esibisce senza sosta in entusiasmanti live in giro per il mondo, continua a proporre entusiasmanti uscite sulla su! a Wagon Repair e trova il tempo di remixare Swayzak, Moby, Chemical Brothers e Nelly Furtado.

Sabato 10 marzo:
Tiefschwarz Castellaneta (TA), Cromie

Dj sin dalla fine degli anni ’80, Ali e Basti Schwarz si distinguono inizialmente proponendo grooves vellutati sostenuti da una ritmica incisiva, un suono che gli vale il loro nome d’arte: “nero profondo”. Nel 1996 debuttano come produttori con il singolo Music (Benztown) che si piazza in vetta alla dance chart tedesca. Dopo un pugno di remix per Earth, Wind & Fire, Jam & Spoon, Mousse T, Masters at Work ed Ultra Naté, nel 2001 arriva l’album Ral9005 pubblicato dalla Classic di Derrick Carter, un disco raffinato che viaggia in diversi cosmi musicali, dimostrandola versatilità di una formazione che sfugge a facili catalogazioni di genere e stile. Trasferitisi da Stoccarda a Berlino, i Tiefschwarz v! irano verso un suono electro capace di scuotere i corpi e di rapire le menti: la loro recente compilation “Misch Masch” edita dalla Fine Music ne è una valida riprova, così come i recenti remix che confezionano per Cassius, Groove Armada, Spektrum, The Rapture, Goldfrapp e Missy Elliott.

Sabato 10 marzo:
DJ Maseo Bari, Zenzero

Vincent "Maseo" Mason è il dj del leggendario gruppo hip hop dei De La Soul. Nato a Brooklyn, debutta a soli 12 anni come dj nei parties scolastici. Durante il liceo Vincent sviluppa una elettrizzante abilità nel giocare con i dischi, tra miscelazioni armoniche e scratch taglienti, e conosce Kelvin Mercer e David Jolicouer, suoi futuri compagni nella formazione De La Soul. Il loro album di debutto "3 Feet High and Rising", pubblicato nel 1989 dalla Tommy Boy, guadagna il disco di platino grazie al traino degli indimenticabili successi “Ring Ring Ring”, “Me Myself and I” ed “Eye Know”. Da allora i De La Soul hanno continuato a giocare un ruolo prominente nella music industry sfornando altri 6 imperdibili dischi: “De La Soul is Dead”, “Buhloone State of Mind”, “Stakes is High”, “AOI: Mosaic Thump” e “AOI: Bionix” che gli sono valsi nomination per gli MTV, i Soul Train ed i Grammy Awards.

Sabato 10 marzo:
Steve Bug Torino, Rock City

Attraversando sempre con dignita' i ponti tra house e techno, Steve Bug dimostra di essere diventato il maestro della minimal tech house e una delle poche gemme dell'innovativa scena electro house tedesca. La sua personale etichetta, la Poker Flat, diventa la risorsa primaria per l'house music del futuro con incredibili diversita' sonore e il suo nome diventa incandescente quando produce la hit "Loverboy" nel 1999, apertura al suo LP "The other day" e prima uscita assoluta sulla Poker Flat. Oggi Steve Bug e' un artista completo, dj ricercato sia da club house che techno, indicato come uno degli astri nascenti della dance music a 360 gradi, destinato ad entrare nell'olimpo dei club, sulle orme di presonaggi come Richie Hawtin, Sven Vath e Ricardo Villalobos.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.