Usa, Starbucks apre una casa discografica: debutto con Paul McCartney?

Usa, Starbucks apre una casa discografica: debutto con Paul McCartney?
Dopo avere riscosso notevole successo distribuendo dischi nei suoi numerosi punti vendita (il caso più eclatante resta “Genius loves company” di Ray Charles, realizzato in coproduzione con la Concord: vedi News), sembra che la celebre catena americana di caffetterie sia pronta per il passo successivo: l'apertura cioè di una vera e propria casa discografica che, secondo quanto scrive l’Associated Press (ripresa da Billboard), potrebbe essere tenuta a battesimo negli Stati Uniti nientemeno che dal prossimo album di Sir Paul McCartney.
Entrambe le notizie sono in attesa di conferma, ma pare che un annuncio ufficiale sul lancio di Starbuck Records possa essere imminente. Si tratterebbe di un’etichetta del tutto indipendente dal preesistente marchio Hear Music, che oltre a dischi in licenza (come il “Live at Gaslight” di Bob Dylan) pubblica compilation selezionate da artisti famosi (vedi News) e che, come una vera casa discografica, si impegnerebbe nel mettere sotto contratto, produrre e distribuire (ovviamente anche al di fuori del suo circuito di locali) un proprio “roster” di artisti. Paul McCartney, secondo le gole profonde che ne hanno fatto il nome, sarebbe l’artista più adatto all’uopo: non solo il suo pubblico di riferimento coincide grosso modo per profilo demografico con quello di Starbucks, fanno notare, ma in America non è attualmente sotto contratto con nessun concorrente. Dopo Garth Brooks, che ultimamente si è legato in esclusiva ai grandi magazzini Wal-Mart, diventerebbe il secondo artista “importante”, sul mercato statunitense, ad affidarsi ad una azienda non puramente discografica ma molto esperta nella distribuzione e nel marketing. Non è tutto: grazie agli accordi di licenza che ha in essere con major e indipendenti, e con l’eventuale appoggio di un partner tecnologico, la ditta americana sarebbe anche pronta ad allestire un suo negozio on-line per il downloading di musica digitale in stile iTunes. Staremo a vedere.
Dall'archivio di Rockol - La storia di “RAM” di Paul McCartney
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.