Uk, V2 invita le indie a stare unite

Tra la Aim inglese (Association of Independent Music) e i dissidenti di Ministry of Sound, in rotta sul preaccordo Warner-Impala riguardante una possibile fusione tra la major americana e la EMI (vedi News), la V2 sta dalla parte delle "istituzioni". Con una dichiarazione scritta firmata congiuntamente dall'ad Tony Harlow e dal managing director inglese David Steele, l'etichetta che fu (e ora non è più) di Richard Branson invoca compattezza spiegando che il settore indipendente "ha bisogno di mostrare la sua forza e di essere unito".
"Essere consultati, anche se con molti limiti", scrivono Harlow e Steele, "è preferibile a essere ignorati come è accaduto regolarmente in occasione dei tre tentativi di merger precedenti". "Chi sceglie di starsene fuori a lanciare pietre", sostengono i dirigenti V2 lanciando una frecciata a MoS, "ha ceduto il suo diritto di contribuire costruttivamente al dibattito".
Music Biz Cafe Summer: Covid e diritti, l'onda lunga della pandemia e i timori degli editori
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.