Parte il South by Southwest di Austin: mai così 'interattivo'

E’ di nuovo tempo di South by Southwest, la fiera musicale più caotica e frenetica ma anche più “cool”, eccitante e meglio frequentata al mondo. L’aggettivo musicale, in realtà, è ormai riduttivo, perché la manifestazione di Austin, giunta ormai alla sua 21ma edizione, dedica spazio sempre maggiore anche alla produzione cinematografica e all’industria digitale e interattiva, facendo convergere sul Convention Center della cittadina texana non solo decine di migliaia di musicisti, discografici, impresari, manager, promoter, pr ed esponenti dei media ma anche luminari del Web, della tecnologia digitale, delle telecomunicazioni e del software. Il ricchissimo programma della manifestazione, che si inaugura oggi, venerdì 9 marzo, include la proiezione di circa 200 film e oltre 150 conferenze, molte delle quali allestite e modellate per la prima volta (nella scelta degli argomenti e dei “panel” di relatori) sulla base delle preferenze e dei suggerimenti avanzati dal pubblico stesso, invitato a dire la sua e ad esprimere il proprio voto sul sito Web del South by Southwest. La risposta, sostiene il direttore dell’ “Interactive Festival” Hugh Forrest, è stata imponente: “E le idee che abbiamo raccolto incredibili”, ha spiegato al sito di Wired, “tanto che il grosso del programma è stato costruito proprio sulla base dei voti pervenuti al nostro Website”.
    E’ di nuovo tempo di South by Southwest, la fiera musicale più caotica e frenetica ma anche più “cool”, eccitante e meglio frequentata al mondo. L’aggettivo musicale, in realtà, è ormai riduttivo, perché la manifestazione di Austin, giunta ormai alla sua 21ma edizione, dedica spazio sempre maggiore anche alla produzione cinematografica e all’industria digitale e interattiva, facendo convergere sul Convention Center della cittadina texana non solo decine di migliaia di musicisti, discografici, impresari, manager, promoter, pr ed esponenti dei media ma anche luminari del Web, della tecnologia digitale, delle telecomunicazioni e del software. Il ricchissimo programma della manifestazione, che si inaugura oggi, venerdì 9 marzo, include la proiezione di circa 200 film e oltre 150 conferenze, molte delle quali allestite e modellate per la prima volta (nella scelta degli argomenti e dei “panel” di relatori) sulla base delle preferenze e dei suggerimenti avanzati dal pubblico stesso, invitato a dire la sua e ad esprimere il proprio voto sul sito Web del South by Southwest. La risposta, sostiene il direttore dell’ “Interactive Festival” Hugh Forrest, è stata imponente: “E le idee che abbiamo raccolto incredibili”, ha spiegato al sito di Wired, “tanto che il grosso del programma è stato costruito proprio sulla base dei voti pervenuti al nostro Website”.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.