Blair: 'La musica e le arti sono diventate essenziali al nostro paese'

Londra è ritornata a essere la “capitale creativa” del mondo e l’industria musicale, fornendo un contributo di 6 miliardi di sterline all’economia e impiegando 130 mila persone, rappresenta uno degli elementi chiave nella nuova “età dell’oro” che le arti stanno vivendo nel Regno Unito. Lo sostiene il primo ministro inglese Tony Blair, che questo e altro ha detto in un discorso da lui tenuto alla Tate Modern nella mattina di martedì, 6 marzo, al cospetto di molti esponenti della comunità artistica londinese.
L’industria artistica e culturale, accanto a quella della moda e della pubblicità, rappresenta oggi più del 7 % dell’intera economia britannica e continua a crescere a un ritmo annuo del 5 %, superiore a quello medio dell’intero comparto produttivo. “Anni fa, prima di assumere la responsabilità di governo, dissi che avremmo fatto delle arti e della cultura parte della nostra ‘sceneggiatura portante’ ”, ha ricordato il premier nel suo intervento al celebre museo londinese. “In altre parole, non sarebbero più rimaste periferiche, come si trattasse di una postilla, un prezioso divertimento una volta portato a termine il lavoro amministrativo serio; avrebbero dovuto invece diventare centrali, un elemento essenziale della narrativa riguardante il carattere di una Gran Bretagna nuova, differente, trasformata”, ha aggiunto Blair, concludendo: “Non lo dissi perché pensavo che noi, come governo, saremmo stati di grande importanza per voi, il mondo delle arti; ma piuttosto perché voi, la comunità artistica, eravate destinati a diventare di fondamentale importanza per il paese”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.