Comunicato Stampa: Show case dei Ronin alla Fnac di Milano

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

NON PERDETE LO SHOWCASE DEI RONIN ALLA FNAC DI MILANO MERCOLEDI’ 7 MARZO ALLE ORE 18:00

FNAC – Via Torino 45, ang. Via della Palla, Milano

Ronin – Lemming (Ghost Records/Audioglobe)

Recensione Lemming (DISCO DEL MESE) - Blow Up
Non si stenta a definirla "musica da ascoltare con gli occhi" quella composta dai Ronin di Bruno Dorella (OvO, Bachi da Pietra e quant'altro), come un viaggio interiore alla ricerca di memorie collettive desolatamente perdute e recuperate per via d'un suono intriso di sguardi cinematografici e di confine.
…Migliore epilogo quindi non poteva esserci per - definizione dello stesso Dorella - un musicista suicida accompagnato da un magnifico gruppo di perdenti visionari. (8)
Fabio Polvani

Recensione Lemming (DISCO DEL MESE) - Rumore
Cinematico ed evocativo sono i due aggettivi d'ordinanza…… Buono il primo se a scorrere è la vita, spendibile il secondo se mancano le parole adatte per certe piccole magie. (8)
Maurizio Blatto

Recensione Lemming - Buscadero
Ben più di una conferma….. da non perdere assolutamente.
Lino Brunetti

Recensione Lemming - Jam
L'atmosfera che si respira è quella delle grandi colonne sonore cinematografiche, capaci di essere evocative e descrittive, di emozionare e di accompagnare l'ascoltatore in un viaggio tra immagini e paesaggi scenografici. Una scenografia che, in questo caso, sta all'ascoltatore ricostruire e immaginare. In ogni caso, buon viaggio a tutti coloro che vi si avventureranno.(3/5)
Fabio Rodighiero

Recensione Lemming - Rockstar
Tra le varie creature di Bruno Dorella piacciono anche i Ronin, formazione dagli umori soffusi che profumano di polvere tex mex, blues scuro, un viaggio nell'est europeo per questo secondo affascinante cd, dall'impianto quasi cinematografico. (3/5)
Gianluca Polverari

Recensione Lemming - Il Mucchio
…musicalità eteree e avvolgenti di impronta post-rock (I Pescatori Non Son Tornati, Mar Morto, la title track, la meno estatica e più rumorosa You Need It Then It Comes), situazioni etno-folk idealmente affini ai Calexico (La Banda paga tributo al Brasile, la breve Portland alle colonne sonore di Henry Mancini, la poco più lunga L'Etiope all'Africa Orientale), fino alla struggente Il Galeone - un canto politico, unico brano con un testo, interpretato con notevole pathos dall'ospite americana Amy Denio. Impatto estetico-emotivo garantito.
Federico Guglielmi

Recensione Lemming - Rockerilla
Ispirato dai tragici suicidi di massa dei lemmings, il secondo album dei Ronin si apre con il lamento struggente de “I Pescatori Non Sono Tornati”, dove la catarsi dal dolore passa attraverso il canto. In “Mantra Infernale”, “Lemming” e nella ripresa di “Mar Morto” la chitarra di Bruno Dorella si fa liquida, con il cuore incerto tra Morricone e Ry Cooder, “Portland” è un omaggio molto Ronin ai suoni di Henry Mancini, il samba dolceamaro di “La Banda” ed il morbido etno-jazz de “L’Etiope”, sono seduzioni fugaci, scambi di sguardi tra vecchie e nuove sonorità, “Il Galeone” è l’adattamento di un tragico canto politico con la voce dell’ospite Amy Denio. A dispetto della fuga forsennata verso l’oscuro baratro (artistico?) che il titolo sembra suggerire, “Lemming” striscia lentamente verso la luce.(7/10)

Recensione Lemming – Rockit (Prima Scelta)
Lavoro di grande tecnica e gran cuore, certosina levigatezza e pure di accessibilità quasi generale…
Enrico Veronese

Recensione Lemming - Kronic
Evocativo e fragoroso il ritorno di Bruno Dorella nella versione Ronin. E’ un disco stritolante, “Lemming”, con tristi presagi destinati all’inevitabile lamento finale (“I Pescatori Non Sono Tornati”, con uno splendido e drammatico coro conclusivo), lampi di bossanova nostalgica (“La Banda”), e paesaggi western incessanti ed in apparenza interminabili (la cinematografia de“Mantra Infernale”, il miglior episodio del lotto….Alla fine si resta ammirati dalla capacità dei protagonisti di spaziare nella musica restando coerenti a se stessi, senza mai dimenticare l’approdo finale. E riuscendo sempre a raggiungerlo. (4/5)
Marco Delsoldato

Music Biz Cafe, parla Claudio Buja (presidente Universal Music Publishing)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.