Ministry of Sound: '100 milioni di dollari per il sì a Warner-EMI'

In cambio del sì ad una eventuale fusione tra Warner ed EMI, le indipendenti europee avrebbero dovuto esigere quantomeno un risarcimento danni da 100 milioni di dollari: lo sostiene, per bocca dei suoi avvocati, la Ministry of Sound in una lettera aperta indirizzata all’Aim, l’organizzazione di settore da cui l’etichetta inglese si è appena dimessa (vedi News).
Rivolgendosi ad Alison Wenham, presidente dell’associazione, i legali della MoS lamentano il fatto che neppure diversi membri anziani del cda di Impala (l'associazione europea delle indie) sono stati messi al corrente preventivamente dell’accordo siglato con Warner e chiedono di poter esaminare in dettaglio i documenti. “Non c’è alcun dubbio che l’approvazione del merger non risponde ai reali interessi dei membri di Impala e dell’Aim”, scrivono (di qui la richiesta del risarcimento danni), sostenendo che l’opinione di Lohan Presencer, md della Ministry, è condivisa dalla maggior parte dei membri dell’organizzazione inglese. La missiva si chiude con una invocazione alla Wenham di non ratificare l’accordo in nome dell’Aim e di fare anzi il possibile per bloccarlo, magari richiedendo l’intervento della stessa Commissione Europea: se questo accadesse, il fronte delle indie risulterebbe davvero spaccato in due.
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.