Usa, secondo due studiosi il crollo dei Cd non è colpa del file sharing

Usa, secondo due studiosi il crollo dei Cd non è colpa del file sharing
Continua il dibattito sugli effetti deleteri che il p2p non autorizzato produce sui consumi legali di musica registrata: e ora una ricerca empirica condotta negli Stati Uniti da Felix Oberholzer-Gee e Koleman Strumpf per conto del prestigioso Journal of Political Economy va contro alle tesi dei discografici della RIAA sostenendo che al file sharing illegale può essere attribuito un ruolo soltanto marginale nel crollo della domanda di supporti musicali. Esaminando i dati riguardanti le vendite di cd rilevate elettronicamente da Nielsen SoundScan nel 2002 e i volumi di file musicali scambiati illegalmente nello stesso periodo su due grandi reti “OpenNap” (in relazione a 680 album contemporaneamente disponibili nei negozi), i due studiosi hanno concluso che l’incidenza di questi ultimi non superava, nella peggiore delle ipotesi, l’equivalente di 386 copie settimanali per album: e dunque non può definirsi altro che “prossima allo zero, e statisticamente irrilevante”. Nel 2002, ricordano ancora Oberholzer-Gee e Strumpf, sono stati venduti negli Stati Uniti 803 milioni di cd, circa 80 milioni di pezzi in meno dell’anno precedente; tuttavia, secondo i loro calcoli, al file sharing illegale non può essere imputata una perdita superiore ai 6 milioni di album: il che lascia un punto interrogativo sull’altro “buco” da 74 milioni di pezzi. Secondo i due ricercatori, oltre allo spostamento di reddito spendibile su prodotti concorrenti come dvd e videogiochi entra in gioco in questo discorso la differenza tra sell in e sell out: sarebbero state le grandi catene come Best Buy ad aver ridotto drasticamente gli assortimenti e il magazzino, e dunque anche gli ordini di nuovi cd all’industria, per minimizzare costi e rischi di gestione approfittando dei nuovi e più sofisticati sistemi di controllo automatizzato dell’inventario a loro disposizione.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.