'Meglio nuda che in pelliccia': stavolta si spoglia Jamelia

'Meglio nuda che in pelliccia': stavolta si spoglia Jamelia
Dopo Naomi Campbell, Christy Turlington, Pamela Anderson e Kim Basinger, è ora la volta di Jamelia. La cantante britannica si è spogliata per l'ormai "storica" campagna della Peta (People for the Ethic Treatment of Animals), anche lei all'insegna dello slogan "meglio nuda che in pelliccia". Le foto a Jamelia sono state scattate da Mary McCartney, figlia di Paul; sua madre Linda era vegetariana e contro lo sfruttamento degli animali. La cantante di "Superstar" (Jamelia Niela Davis, 11 gennaio 1981) ha detto: "La ragione per la quale ho deciso di spogliarmi per la Peta è perché mi sono stati illustrati i modi inumani in cui vengono trattati gli animali per la loro pelliccia. Penso che questi modi siano disgustosi. Credo che, se una persona ha un cuore, non dovrebbe proprio indossare una pelliccia".
La Peta è stata fondata in Virginia nel 1980, ha 1 milione di iscritti e circa 200 impiegati.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.