I Razorlight interrompono lo show, cantante e bassista si prendono a pugni

I Razorlight, il gruppo anglosvedese basato a Londra, hanno improvvisamente interrotto il concerto che stavano eseguendo a Lione, Francia, a causa di un fatto veramente singolare. Dopo un animato scambio di parole durante una canzone, il cantante Johnny Borrell ha lasciato il microfono, il bassista Carl Dalemo ha deposto il suo strumento ed i due si sono presi a pugni. Così, perlomeno, risulta da fonti francesi subito riprese da vari siti britannici. La band, in seguito alla scazzottata, ha poi abbandonato il palco. Qualche minuto di smarrimento all'interno del palazzetto Ninkasi, poi i Razorlight sono tornati sulle assi ed hanno completato il concerto.
"Up all night", il primo album del gruppo, fu pubblicato il 28 giugno 2004 ed il 4 luglio raggiunse il numero 3 nella classifica britannica. Il loro secondo lavoro, giunto sul mercato il 17 luglio dello scorso anno, è arrivato al primo posto della chart del Regno Unito.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.