Londra, chiude un altro storico negozio di dischi

Crollano tristemente i piccoli negozi di dischi del Regno Unito, quelli che hanno alimentato generazioni di musicisti e fornito allo scrittore Nick Hornby lo spunto principale e l’ambientazione del celebre romanzo “Alta fedeltà”. Artisti e giornalisti si stanno mobilitando per salvare Spillers di Cardiff, il più vecchio emporio musicale dell’Impero (vedi News), ma nessuno ha potuto far niente per Reckless Records, il negozietto di Berwick Street (nel cuore di Londra, a Soho, poco distante da Tottenham Court Road) ben noto anche agli appassionati italiani di passaggio nella capitale.
Duncan Kerr, general manager del punto vendita costretto ad abbassare la saracinesca dopo 23 anni di attività, spiega che a infliggere il colpo mortale è stato un mese di gennaio “estremamente difficile”, con un calo che non ha esitato a definire “devastante” nelle vendite di cd e vinili usati, punto di forza della sua attività. “Internet”, ha aggiunto parlando con i giornalisti di Music Week, “ha cambiato tutto. I file scambiati in Rete, le vendite a basso prezzo, il downloading – insomma, i motivi che sappiamo – hanno avuto l’effetto di una gran botta. Nel momento in cui HMV svende il suo stock al solo scopo di restare a galla, come possiamo competere?”.
Nel suo momento d’oro, Reckless aveva aperto addirittura oltreoceano, a San Francisco e a Chicago: altri tempi, dal momento che a Londra aveva già dovuto chiudere i punti vendita di Islington (il primo ad aprire, nel 1983) e Camden. Magra consolazione, per Kerr, sapere che lo stesso giorno (voci per ora ufficiose) ha chiuso anche Steve's Sounds, altra nota insegna situata in prossimità di Leicester Square.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.