Rapporto IFPI: nessuno in Europa scarica canzoni sul cellulare come gli italiani

Download legali da Internet, “mobile music” e suonerie “master tones”, come sappiamo, non riescono ancora a tamponare le falle di cinque anni di mercato discografico in caduta libera. Il Digital Music Report 2007 compilato e diffuso in queste ore dall’associazione internazionale IFPI, tuttavia, sembra dare ragione (almeno per il momento) ai moderatamente ottimisti: senza calcolare (il che è praticamente impossibile) l’impatto economico delle nuove forme di promozione e distribuzione gratuita della musica in rete alla MySpace e YouTube, il giro d’affari generato dalle vendite attraverso il Web e la telefonia mobile è quasi raddoppiato a livello mondiale tra il 2005 e il 2006 avvicinandosi ai 2 miliardi di dollari, il 10 % del mercato globale (era l’8 % in Italia nel primo semestre dell’anno appena trascorso, vedi News). Al risultato contribuiscono non solo la chiusura di molti siti pirata e p2p e l’uso sempre più esteso della banda larga (280 milioni di utenti, + 34 %), ma anche la maggiore diffusione dei “music phones” e dei lettori digitali portatili in circolazione (120 milioni, questi ultimi, con un incremento del 43 %) e un’offerta sempre più estesa, con circa 4 milioni di canzoni digitali disponibili per l’acquisto (erano la metà l’anno prima) e circa 500 piattaforme di distribuzione legale in funzione in una quarantina di paesi (l’IFPI ne elenca 14 solo in Italia, con Radio DeeJay e eMusic aggiuntesi nel corso degli ultimi dodici mesi).
Il download di singole canzoni, modello iTunes, continua a dominare il mercato digitale con 795 milioni di pezzi scaricati nel 2006 (+ 89 %, rispetto ai 420 del 2005), mentre gli abbonamenti, stile Napster, passano nello stesso periodo da 2,8 a 3,5 milioni (+ 25 %). L’Italia è il terzo mercato europeo per la musica “mobile” dopo Regno Unito e Francia, in valore assoluto; ma si aggiudica il primo posto nel download di brani originali completi sui cellulari grazie alla più alta penetrazione di mercato di telefonini multimediali 3G: li possiede il 24 % degli abbonati a servizi di telefonia mobile, contro il 14 % in Gran Bretagna e l’11 % in Spagna (più in alto stanno solo Sud Corea, inarrivabile col suo 88 % di cellulari 3G, e il Giappone con il 53 %). La spiccata propensione degli italiani a consumare musica col telefonino è confermata anche dalla suddivisione nazionale degli introiti di musica digitale: il 14 % proviene dai download di singoli brani da Internet (contro il 39 % della Germania, valore più alto in Europa), l’8 % dal download di album (25 % nella stessa Germania), il 26 % da suonerie mastertone (41 % in Francia), il 39 % appunto dal download di brani musicali originali e completi sul cellulare (contro il 32 % della Spagna, il nostro più immediato inseguitore).
Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.