iPhone, da qui al 2008 la Apple vuole venderne 10 milioni

Dieci milioni di iPhones entro il 2008: è questo l’obiettivo di vendita che Steve Jobs ha annunciato martedì (9 gennaio) alla platea del MacWorld di San Francisco per il nuovo prodotto multimediale della famiglia Apple Inc. (insieme alla Apple TV già nota ufficiosamente col nome di iTV, la piastra che consente di trasferire sul televisore di casa i film acquistati da iTunes e scaricati sul computer). “Puntiamo, per ora, a una quota dell’1 % sul mercato mondiale della telefonia mobile”, ha detto il boss dell’azienda californiana: aspettativa che i principali analisti considerano realistica, tenuto conto anche dei tempi di commercializzazione del prodotto (giugno negli Stati Uniti, fine anno in Europa, 2008 in Asia).
Dopo gli entusiasmi iniziali, intanto, qualcuno comincia già a fare le pulci al nuovo gioiello tecnologico di casa Apple, sottolineando quello che non permette di fare: ad esempio, scaricare direttamente musica dal negozio iTunes, oppure sincronizzare in modalità wireless il dispositivo portatile al computer per il trasferimento dati (ci vuole un filo di collegamento). Almeno per ora, inoltre, la tecnologia wi-fi e Bluetooth incorporata nell’iPhone non può essere utilizzata per il file sharing (come avviene invece, sia pure limitatamente, con lo Zune di Microsoft); mentre una versione 3G dello “smartphone” targato Apple sarà disponibile solo in un secondo momento.
Un’ultima curiosità: in molti si sono meravigliati del fatto che la Apple abbia davvero scelto il nome iPhone per il suo prodotto, dal momento che il marchio era già stato registrato dalla Cisco. Sembra però che tra le due aziende sia sopraggiunto un accordo.
Music Biz Cafe, parla Luca De Gennaro (Direttore VH1 Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.