Comunicato Stampa: 'Lunático Tour' per i Gotan Project

Comunicato Stampa: 'Lunático Tour' per i Gotan Project
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Il nuovo disco "Lunatico" è disco d’oro in Italia E dopo il successo delle date estive tornano a grande richiesta per altre 3 date a dicembre

presenta
GOTAN PROJECT
“Lunático Tour”

DOMENICA 3 DICEMBRE 2006
MILANO – ALCATRAZ
Via Valtellina 25,
Infoline Indipendente 0434 208631
www.alcatrazmilano.com
Prezzo del biglietto € 30,00 + diritti di prevendita
Apertura Porte ore 19.30

LUNEDI’ 4 DICEMBRE 2006
PADOVA – PALA BERNHARDSSON
Via Ponticello 4 (località San Lazzaro)
Infoline Eventi 045 8039156
www.eventiverona.it
Prezzo del biglietto € 27,00 + diritti di prevendita
Apertura Porte ore 19.30

MARTEDI' 5 DICEMBRE
ROMA – TEATRO TENDASTRISCE
Via G.Perlasca 69
Infoline Indipendente 0434 208631
www.tendastrisce.com
Prezzo del biglietto € 30,00 + diritti di prevendita
Apertura porte ore 19.30

Informazioni su come acquistare i biglietti:

· in tutti i Punti Vendita TicketOne (per conoscere il Punto Vendita TicketOne più vicino visita il sito www.ticketone.it)
· oppure chiama il Call Center TicketOne 899.500.022 (per informazioni e acquisto)
· telefonicamente con Pronto Pagine Gialle 89.24.24 (attivo 24 ore su 24)
· in tutte le prevendite abituali

1998, l’inizio: il chitarrista Eduardo Makaroff incontra Philippe Cohen Solal, musicista e fondatore dell’etichetta ¡Ya Basta!. Quest’ultimo ha già lavorato con lo svizzero Christoph H Müller, che è nato a Buenos Aires e si è fatto un nome nel mondo del rock, ma è cresciuto col tango. Gli altri due, artisti “di vinile” e maestri del suono, stanno già lavorando insieme da qualche anno: la loro “Boyz From Brazil” ha infuocato le piste da ballo. I tre uniscono le loro forze per dar vita ad un’inedita miscela di tango e musica elettronica. Si trovano un nome: Gotan Project

Il primo album “La Revancha Del Tango”, del 2001, fa il giro del mondo come un razzo, oltre 1 milione di copie vendute nel mondo (ben 100.000 copie vendute solo in Italia dove conquistano il disco di Platino), e i Gotan Project scendono in strada con un tour che tocca i palchi di tutto il mondo, dal Giappone agli Stati Uniti oltre 200 concerti con un totale di 600.000 presenze.

Il 31 marzo 2006 esce “Lunatico”, il secondo album che in pochi mesi conquista il disco d’oro in Italia.
Il primo singolo “Diferente” rimane in cima alle classifiche per mesi e a metà ottobre uscirà anche il secondo singolo “Mi Confesión” che si appresta a ripetere il successo del primo.

Su questo album, i Gotan Project sono gli stessi ma al tempo stesso sono diversi. Il primo singolo, “Diferente”, lo annuncia fin da subito. Cos’è cambiato? Prima di tutto, la loro visione più ampia della storia e del repertorio. Dopo “La Revancha Del Tango” anche loro ne sono entrati a far parte, creando “vocazioni” elettroniche da Oslo a Buenos Aires. Questa volta hanno composto tutto da sé: melodie ispirate a grandi come Carlos Gadel, che ha ispirato il titolo dell’album, “Lunatico”. Insomma, hanno dimostrato di essere dei compositori senza mettere da parte la loro abilità di far emozionare la gente. E per ampliare ancora di più la loro “offerta”, i Gotan Project hanno inserito nell’album la partecipazione di grandi nomi che testimoniano la varietà di forme che il tango oggi può assumere. Tango percosso, declamato, cantato, stravagante (il primo brano Amor Portèno è rivisitato dai Calexico). La gamma di possibilità ci fa rivedere qualsiasi giudizio affrettato avessimo dato a quella incarnazione musicale della malinconia che si chiama tango. Su questo nuovo album il trio ha continuato a lavorare con il pianista Gustavo Beytelmann, un argentino che ha vissuto a Parigi per più di 25 anni e che è noto sia per le sue composizioni che per la sua passione per l’avventura. Questa volta ha arrangiato la sezione di archi composta da violini e violoncelli, registrati al leggendario studio Ion di Buenos Aires, aggiungendo un elemento di vibrazione acustica e dei contorni più cinematografici a questa seconda opera, sempre attenendosi al formato della “chanson”. Come risultato, “Lunatico” offre una moltitudine di voci: dai testi cantati da Caceres a quelli di Jimi Santos, due modi diversi di affermare le radici nere dell’Argentina, fino al rap contaminato da citazioni “tanghesche”. Per non parlare delle canzoni dolciamare recitate alla maniera dei crooner da Cristina Vilallonga. Non c’è dubbio, il tango non ha ancora detto la sua ultima parola.

Sito ufficiale:
www.gotanproject.com
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.