E’ successo nel 2006: 8 dicembre

Mazza (FIMI): 'Sui termini dei copyright daremo battaglia in Europa' (8 dicembre 2006)

Le conclusioni del “rapporto Gowers” sulla tutela della proprietà intellettuale (vedi News), che suggeriscono al governo inglese e alla intera Comunità Europa di non modificare il termine di 50 anni attualmente in vigore per i copyright sulle registrazioni fonografiche (aprendo in sostanza al pubblico dominio, da qui a poco, una gran quantità di musica pop e rock prodotta a partire dalla seconda metà degli anni ’50) preoccupano fortemente anche l’industria discografica italiana. “Quello di Gowers è solo un parere, ovviamente molto rilevante, ma credo che daremo battaglia in Europa” ha spiegato a Rockol Enzo Mazza, presidente della FIMI (la maggiore associazione nazionale dei discografici). E se le raccomandazioni del famoso economista venissero seguite? “Sarebbe il suicidio della musica europea ed italiana. Con le reti digitali, il fenomeno del back catalogue diventerebbe devastante per i paesi con forti repertori locali. Noi abbiamo riscontrato molto interesse da parte dei parlamentari italiani a Strasburgo sulla questione della discriminazione tra la protezione assegnata agli artisti statunitensi (95 anni, ndr) e a quelli europei. Nelle prossime settimane incontreremo il vicepresidente del Consiglio Rutelli; abbiamo anche scritto una lettera al ministro Emma Bonino chiedendo di sostenere la questione a livello comunitario”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.