E’ successo nel 2006: 30 novembre

E’ successo nel 2006: 30 novembre
Credits: Mitch Ikeda
Noel Gallagher a Milano: ecco com'è andata (30 novembre 2006)

Da quando è stato aperto a Milano, il Blue Note ha avuto una vocazione "ibrida": il marchio è quello di uno dei più noti tempi newyorchesi del jazz, che nei suoi cinque anni di storia nel capoluogo lombardo ha ospitato sì mostri sacri della musica afroamericana, ma anche cantanti al limiti del pop, quasi sempre però quello "adulto" e raffinato.
Alla sua apertura, pochi si sarebbero aspettati un giorno nel vederlo trasformato com'era ieri sera, 29 novembre, dall'arrivo di Noel Gallagher degli Oasis che insieme al fido Gem Archer (chitarrista della band) e al batterista Terry Kirkbride ha offerto un concerto intimo ma rockeggiante, parte di un mini-tour per presentare il "best" Stop the clocks", appena uscito con una copertina firmata da Peter Blake, autore dell'immagine di "Sgt. Pepper's lonely hearts club band" degli amati Beatles.
450 biglietti venduti in poche ore; il tradizionale assetto del locale, fatto di tavoli dove la gente si siede e mangia durante l'esibizione e di un palco "pulito" e con pochi fronzoli, è stato completamete stravolto. Metà dei rumorosi fan della band è in piedi, il palco è coperto da spie, casse e impalcature. La serata viene aperta da Alessandro Del Piero, a cui spetta il compito di introdurre Noel (si dice che gli abbia regalato la maglia della finale mondiale, per l'occasione). Siamo pur sempre a Milano, e un po' di gente fischia. Sale sul palco Noel, che imbraccia la chitarra acustica; sguardo a terra, attacca la prima delle tredici canzoni in scaletta, eseguite in fila, e con poche parole. E' "(It's good) to be free", una delle tante "b-side" che Noel si diverte ad eseguire. Si capisce anche da questo che è una serata soprattutto per fan: urla, cori, richieste di canzoni. Noel fa buon viso a cattivo gioco, spiccica poche parole e fa finta di non capire, rimanendo quasi sempre immobile e imperturbabile. In scaletta affiora ovviamente anche qualche brano noto, di quelli che già solitamente canta Noel come "The importance of being idle" e "Don't look back in anger" (applauditissima), ma anche qualcuno di quelli affidati alla voce di Liam, come "Wonderwall". La vera anima musicale della serata è Gem, che con la sua elettrica e con le tastiere che accompagna Noel, il quale da par suo dimostra di poter reggere sul piano vocale il confronto con il fratello Liam, che però è davvero ad un altro pianeta come presenza scenica.
Poco più di un'ora, una chicca verso la fine come la cover di "Strawberry fields forever" dei Beatles, e la serata è finita. Il rumoroso pubblico sciama felice verso l'uscita, e il Blue Note torna ad essere un discreto locale jazz.
Dall'archivio di Rockol - La filosofia di Noel Gallagher
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.