UK, Lil' Kim vuole 700.000 euro per fare il 'Grande fratello'

Ultimi giorni in Gran Bretagna prima della nuova serie de "Il grande fratello". Mentre i tabloid si arrovellano sui possibili partecipanti, emerge la notizia che Lil' Kim, contattata dai produttori del "Big brother", ha chiesto 500.000 sterline (735.000 euro) per far parte del reality. Ma non è solamente l'esosa richiesta a far chiacchierare, sono anche le bizze da diva della rapper statunitense (Kimberly Denise Jones, Brooklyn, New York, 11 luglio 1975), uscita dalla prigione nello scorso luglio, a destare un certo scalpore. Lil' Kim infatti esige di portare in trasmissione anche la sua assistente personale, vuole potersi affidare al suo parrucchiere e truccatore (in italiano moderno: hair stylist e make-up stylist) nelle scene in cui non è inquadrata, ed inoltre chiede due settimane di vacanze completamente pagate a Londra alla fine dello show. Richieste quasi da ricatto. Sarà un caso che un suo album s'intitoli "La bella mafia"?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.