Gli Scissor Sisters hanno pagato la minestra ai senzatetto

Gli Scissor Sisters hanno pagato la minestra ai senzatetto
Un gruppo con un’immagine apparentemente “leggera” ha fatto più di altre formazioni “serie”. Gli Scissor Sisters, i quali nello scorso novembre hanno intrapreso un lungo tour britannico, hanno donato una parte del loro incasso totale a vari enti benefici locali. I componenti della band di New York hanno voluto che fossero loro illustrate le attività di svariati enti, poi ne hanno selezionati personalmente diciassette ai quali sono andate cifre di entità varia. Il Simon Centre di Glasgow, ad esempio, ha ricevuto 1300 sterline, circa 1910 euro. Sarah Hunter, la quale per il centro -che si occupa di senzatetto- coordina le attività di raccolta fondi, ha detto: “Ovviamente siamo al settimo cielo. I soldi che gli Scissor Sisters ci hanno dato ci consentono di dare la minestra ai poveri per un mese”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.