E’ successo nel 2006: 3 febbraio

La Apple denunciata: colpa dell'iPod (3 febbraio 2006)

Una causa forse pretestuosa, che è comunque indice di quanto il lettore di mp3 della casa di Cupertino sia popolare: l'agenzia ANSA riporta che l'americano John Kiel Patterson abbia denunciato la Apple per colpa proprio dell'ormai celeberrimo riproduttore portatile. Secondo le pratiche depositate presso la corte di San José, California, i legali di Patterson pretenderebbero un risarcimento da parte della società guidata da Steve Jobs in quanto l'iPod sarebbe in grado di emettere musica ad un volume di 115 decibel, sufficienti - sempre secondo i legali di Kiel - di danneggiare l'udito in soli 28 secondi di funzionamento. Gli avvocati contestano alla Apple la mancanza di espliciti avvisi di pericolo in merito all'interno del manuale di instruzioni del lettore.
Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.