Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 19/12/2006

Geffen vuole il Los Angeles Times: la risposta è 'ni'

Geffen vuole il Los Angeles Times: la risposta è 'ni'
Il discografico David Geffen, considerato uno degli uomini più ricchi d’America, ha offerto 2 miliardi di dollari in contanti per rilevare la proprietà del quotidiano Los Angeles Times: lo scrivono lo stesso Times e il Wall Street Journal, aggiungendo che il proprietario della testata, la società Tribune Co. di Chicago, gli ha risposto con un “ni” preferendo, ove possibile, cedere in toto il patrimonio della holding che include altri 11 giornali (tra cui il Chicago Tribune), 24 emittenti televisive e la squadra di baseball dei Chicago Cubs. Una decisione finale è attesa entro i primi mesi del 2007; secondo alcuni analisti, lo smembramento e la vendita separata delle proprietà moltiplicherebbe i costi fiscali dell’operazione a carico degli azionisti della società.
Geffen, 63 anni, newyorkese, è una figura leggendaria del music business americano: dopo gli umili inizi al reparto corrispondenza della William Morris Agency e i primi successi riscossi come manager artistico, fondò la Asylum Records nel 1971 lavorando con artisti come Jackson Browne, Joni Mitchell e Linda Ronstadt. Ceduta al gruppo Warner l’etichetta (che continuò a dirigere dall’interno per qualche anno con il nuovo nome di Elektra Asylum) fondò nel 1980 la Geffen Records, pubblicando come primo disco “Double fantasy” di John Lennon e mettendo successivamente sotto contratto artisti come Cher, Aerosmith, Guns N' Roses e Nirvana. Oggi è socio di Steven Spielberg nella DreamWorks, molto affermato anche come produttore cinematografico e teatrale e noto anche per le sue numerose iniziative filantropiche.