Comunicato Stampa: Mantova Music Festival, a maggio la IV edizione

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

MANTOVA MUSICA FESTIVAL
LA IV EDIZIONE DAL 23 AL 27 MAGGIO A MANTOVA

La quarta edizione del Mantova Musica Festival è già in cantiere. La manifestazione si terrà a Mantova dal 23 al 27 maggio 2007 presentando al pubblico italiano e internazionale il meglio della produzione musicale italiana. L'edizione 2007 del Mantova Musica Festival ruoterà intorno al tema "Muri", con l'intento di valorizzare l'esperienza musicale come momento capace di abbattere e superare le numerose barriere culturali, sociali e civili che impediscono la costruzione di un mondo rispettoso dei valori dell'umanità.

Come sempre, il Festival comprenderà concerti, rassegne, dibattiti, spazi monografici e spettacoli musicali per bambini. Per garantire una partecipazione il più possibile omogenea nei diversi campi della creazione musicale, questa quarta edizione, oltre ad ospitare diversi concerti e incontri dislocati in vari punti della città con noti ed affermati artisti italiani, è suddivisa in due principali rassegne musicali. La prima rassegna è strutturata secondo quattro filoni tematici e di genere: CANZONE (con testi esclusivamente in italiano o in dialetto), ROCK (rock e altre musiche di derivazione afroamericana e angloamericana - con testi in italiano o in dialetto), ETNICA (musica etnica, folk, world music - con testi in italiano o in dialetto, o solo strumentale) e JAZZ . Ognuno di questi filoni è aperto alla partecipazione dei musicisti che si renderanno disponibili, in seguito alle scelte delle commissioni di ascolto. La seconda rassegna rappresenta un ritorno volto a dare spazio alla realtà musicale mantovana. “Hyde Park”, infatti, anche quest’anno riserverà una parte rilevante della programmazione alla esibizione di gruppi e solisti mantovani.
Per entrambe le rassegne, gli artisti interessati a partecipare potranno iscriversi entro e non oltre il 28 febbraio 2007. E’ possibile visionare le diverse modalità dai singoli bandi di concorso.

Riguardo al tema “Muri” intorno a cui ruoterà l’intera manifestazione, Nando dalla Chiesa, ideatore e promotore del Mantova Musica Festival, ha dichiarato: “I corpi non attraversano i muri. Il pensiero sì. La musica anche. La musica passa tra i muri, li avvolge, li circonda e alla fine li sgretola. La metafora di Gerico non è solo il frutto di una mirabolante fantasia narrativa. E' l'impronta lasciata perfino nella sacralità biblica da ciò che gli uomini avevano sperimentato nei millenni: la forza della musica, la sua potenza distruttrice dell'ordine costituito e delle divisioni. Perché la musica - è vero - sa anche essere orgia retorica, presidio dell'esistente, simbologia del potere. Marchio maledetto delle dittature e delle ideologie totalitarie. Sa esserlo perfino quando appare sublime e perfetta come una creazione divina. Ma alla fine la sua funzione è naturalmente liberatrice. Creativa per definizione, creativa continuamente, fluisce nella materialità del mondo, incapace di cristallizzarsi nel suo momento innaturale, quello funzionale alla conservazione. Va oltre. Per questo i dittatori, i potenti, non riescono a possederla per sempre.
La musica si supera, perché entra nelle forme di comunicazione, le rappresenta mentre cambiano, le interpreta nel loro bisogno di cambiamento. Amplificandole. La musica esalta la funzione dell'ascolto, che non ha confini. Perché la vista non attraversa i muri, l'udito sì. Il Muro di Berlino è caduto sotto la spinta della musica. Del rock, in particolare; della musica occidentale che quel Muro aveva saputo attraversare e circondare con leggerezza per poi colpirlo con facili e irridenti martellate. I muri non resistono alla musica.
Oggi alla musica si chiede di far cadere nuovi muri. Alcuni fisici: quelli che impediscono materialmente ai corpi, alla vista, di attraversarli. Ma anche altri muri. Che non sono fisici. Che sono morali, culturali, spirituali. Immaginari. E che tuttavia i corpi e la vista non attraversano lo stesso. Perché si tratta di muri fatti in realtà dello stesso materiale (il pensiero) che comanda ai corpi e alla vista. Inzuppati di odio, di rancore, di pregiudizio, di diffidenza, di paura. Oggi la musica è chiamata a fare cadere soprattutto questi muri. Che sono grandi, spessi, diffusi ovunque. E che si possono abbattere solo con l'ascolto, con l'udito, generatori di nuovi modi di pensare. Perciò il Mantova Musica Festival, diventato appuntamento tra i più importanti della musica italiana, nella sua edizione del 2007 lancia l'idea della musica come rinnovata, irresistibile forza demolitrice di ciò che divide artificialmente.
Perciò sarà questo il filo conduttore della quarta edizione di una rassegna che ogni anno ha scelto un tema da offrire alla sensibilità dell'arte e della musica e alla riflessione e all' immaginazione di un pubblico sempre più numeroso. Muri. Nel 2007. Per fare musica e ascolto (e pensiero) in un mondo che troppe volte non sente ragioni e sa rendersi impenetrabile anche alla voce più alta e innocente.”

Per informazioni al pubblico: www.mantovamusicafestival.it - 0376 432432
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.