Il rapper Lupe Fiasco tenta l'impossibile: lavorare con i Pink Floyd

La prima volta ha funzionato, magari funzionerà anche la seconda. E' forse questo il ragionamento di Lupe Fiasco; il rapper, dopo essere riuscito a convincere il riottoso Chick Corea a fargli usare un campionamento da una sua composizione, tenta ora una "mission impossible", quella di lavorare con i Pink Floyd. Il cantante di Chicago non ha voluto rivelare in che maniera intenderebbe coinvolgere i Floyd nel suo prossimo album, "The cool", ma ha spiegato che, dopo aver corteggiato con le dovute maniere Corea, intende procedere sulla stessa linea con la leggendaria formazione britannica.
Lupe Fiasco (vero nome Wasalu Muhammad Jaco, nato il 17 febbraio 1981 a Chicago, Illinois), di religione islamica, è specialmente noto per l'album "Food & liquor" di quest'anno; il CD gli ha fatto guadagnare tre nomination ai prossimi premi Grammy.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.