Comunicato Stampa: 'Save the Children' Reggae Festival, grandissimo successo

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Grande successo per il
“SAVE THE CHILDREN” REGGAE FESTIVAL
che si è tenuto venerdì 17 novembre al PALALOTTOMATICA di ROMA

Un bilancio più che positivo per l’unico grande evento del 2006 interamente dedicato alla musica reggae, il SAVE THE CHILDREN REGGAE FESTIVAL, tenutosi venerdì 17 novembre al PalaLottomatica di Roma.

La manifestazione, fortemente voluta e organizzata dalla Provincia di Roma (sempre molto attiva e presente sul fronte culturale e sociale), in collaborazione con Wayout Eventi, si è conclusa con grande successo. L’intero incasso, come annunciato, è stato devoluto all’Associazione Save The Children Italia Onlus, la quale potrà fornire acqua potabile agli scolari della scuola di Shafat, un piccolo villaggio a nove chilometri da Mekele in Etiopia.

Le nobili finalità dell’evento e il costo del biglietto di ingresso fissato a soli 5,00 euro, sommati al ritmo travolgente della musica reggae, hanno fatti sì che il festival fosse sold-out appena passate le ore 22 di venerdì per un totale di oltre 8.000 presenze.

La “maratona” musicale, che ha visto la partecipazione di numerosi personaggi della storia del reggae, nuove stelle internazionali e i maggiori esponenti della scena italiana, è iniziata alle ore 19.00 e si è conclusa alle ore 2.00.

Hanno aperto la serata VILLA ADA SOUND & ONE LOVE HI PAWA, che hanno scaldato il numeroso pubblico accorso facendolo saltare e ballare a ritmi elevatissimi.
A seguire sono saliti sul palco gli SMOKE che, dopo aver eseguito alcuni brani del loro ultimo album “Smoke”, hanno accompagnato la performance del loro vecchio compagno di viaggio nei Reggae National Tickets Alberto ALBOROSIE D’Ascola. Alborosie è oggi un affermato produttore in Giamaica ed è tornato in Italia per l’occasione dopo sei anni di assenza per presentare il suo nuovo album “Soul Pirate” di imminente uscita in America e in Europa. Il successo del suo singolo “Herbalist” ha suscitato molto clamore grazie ad una travolgente esibizione live. La performance degli SMOKE si è conclusa con la presenza della cantautrice afro-tedesca ZOE (vincitrice di due German Reggae Awards) che, con la sua magistrale capacità di combinare reggae d’autore e storie moderne prendendo spunto dalle proprie origini liberiane, ha dato adito alle sue elevate capacità canore.
In seguito, IQULAH RASTAFARI, l’ambasciatore del reggae dai profetici messaggi, e l’attesa esibizione di KY-MANI MARLEY, attualmente al lavoro del suo terzo album (puro mix di urban hip-hop e reggae fusion), accompagnati dalla GIDDEON FORCE BAND. L’unico figlio nato dall’unione di Bob Marley e Anita, oltre a brani suoi, ha eseguito alcune cover del padre.
Poi sul palco la nuova realtà del reggae al femminile MARINA, che assieme a PAPA LEU e RANKIN’ LELE, i più quotati dj della nuova scena dancehall italiana, hanno aperto l’esibizione dei veterani SUD SOUND SYSTEM, accompagnati ancora una volta dall’inseparabile BAG-A-RIDDIM BAND.
L’ospite d’onore del festival, il leggendario JIMMY CLIFF, si è esibito in nottata nella sua unica data italiana, intrattenendo il pubblico, stremato ma divertito, eseguendo alcuni brani dei suoi ultimi album passando attraverso i suoi più celebri classici come “Vietnam”, “River Of Babylon” e “Many Rivers To Cross”. Con oltre venti album all’attivo, JIMMY CLIFF, già collaboratore di Bob Marley, è stato il primo musicista ad aver portato il reggae all’attenzione del pubblico di tutto il mondo ed è considerato la stella più lucente della florida cultura musicale giamaicana, grazie alla sua musica ancora molto attuale.

Per la prima volta il PalaLottomatica di Roma, che ha sempre accolto concerti popolari e catalogati nel mondo “mainstream”, ha ospitato un festival reggae e quindi una musica non tipica di questo grande circuito e l’ha fatto in grande stile, accogliendo oltre 8.000 persone desiderose di far parte di un grande progetto benefico a suon di reggae.
Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.