MP3.com si rilancia con il file sharing audio/video (stavolta autorizzato)

Ricordate MP3.com, antico spauracchio (ancor prima di Napster e di Shawn Fanning, vedi News) dell’industria musicale? Lanciato nel 1997 da Michael Robertson, il sito consentiva ai consumatori di tradurre in formato di file digitali e di ascoltare da qualunque computer collegato a Internet la propria collezione di canzoni e cd; non essendo autorizzato da artisti e case discografiche, venne portato in tribunale e finì per pagare milioni di dollari ai titolari dei copyright di cui aveva violato i diritti.
Una sorte analoga, la sua, a quella dell’impresa di Fanning: nel 2001 la società venne venduta a Vivendi Universal, e due anni finì in mano a CNET Networks, perdendo nel frattempo il suo fascino “piratesco” e trasformandosi sostanzialmente in un contenitore di notizie e articoli di taglio musicale simile a tanti altri. Ora è arrivato il momento del tentato rilancio: MP3.com si ripropone con una piattaforma che, sul modello oggi dominante di MySpace e YouTube, intende promuovere lo scambio di musica e video indipendenti autorizzato, stavolta, dagli autori.
Robertson (vedi News), dal canto suo, non rinuncia al suo ruolo di guastatore e pioniere digitale. Prima ha creato un software aperto di riproduzione della musica digitale che già nel nome, Mp3Tunes, è una sfida ad Apple; poi ha ingaggiato il celeberrimo hacker Dvd Jon per sviluppare, con Oboe, la sua idea di musica digitale disponibile sempre e comunque su Internet (in un “digital locker”, o cassetta di sicurezza protetta): l’una e l’altra iniziativa, per ora, non hanno però riscosso il successo del vecchio MP3.com.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.