Comunicato Stampa: Musica Bretone a 'Suoni dal Mondo - XVII edizione'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITÀ DI BOLOGNA
Dipartimento di Musica e Spettacolo
CIMES
Centro di musica e spettacolo
presenta il concerto
nell'ambito del Festival SUONI DAL MONDO - XVII edizione

MUSICA BRETONE
TRIO TERMAJIK
Venerdì 17 e Sabato 18 novembre ore 21.30

In AUDITORIUM
Via Azzo Gardino 65/a, Bologna

Per la prima volta in Italia, il TRIO TERMAJIK è ospite della 17° edizione del Festival di musica etnica SUONI DAL MONDO organizzato dal CIMES, Centro del Dipartimento di Musica e Spettacolo (DMS) dell’Università di Bologna.

Il programma scelto dal direttore artistico Nico Staiti, etnomusicologo docente Dams, già allievo di Roberto Leydi, definisce questo festival "di confine": esalta il rapporto sempre più stretto tra l’attività di ricerca etnomusicologica e la proposta, in concerto, di musiche tradizionali che esulano da logiche di mercato e di consumo ma che siano espressione di determinate culture a noi meno note, e in genere meno rappresentate in Italia.

Venerdì 17 e, in replica, sabato 18 novembre ore 21.30 in AUDITORIUM (Via Azzo Gardino 65/a, Bologna) MUSICA BRETONE Trio Termajik , in prima nazionale.

La musica bretone è stata oggetto di un revival intenso, che ne ha rimodellato i caratteri peculiari su quelli di un celtismo di maniera, spesso fasullo, quasi sempre svuotato dai suoi aspetti più autentici. Christian Duro, suonatore di clarinetto e di bombarda, cantore, narratore di tradizione, accompagnato da Jean Le Floc'h e Guillaume Le Guern (fisarmonica a bottoni e secondo clarinetto) è un raro ed eccelso interprete di questa tradizione musicale, ormai quasi scomparsa non per oblio, ma perché annegata da una fortuna superficiale ed eccessiva. I brani del loro repertorio provengono dalle memorie familiari e di comunità, ma anche dalla ricerca; non vengono passivamente riproposti, ma si collocano nel solco di una tradizione reinterpretata in modo vitale ma anche rigoroso.

BIGLIETTI per i concerti (invariato dal 2003): intero Euro 11; ridotto Euro 9 per soci Cartagiovani, Over 60 o Coop Adriatica (su presentazione della tessera); ridotto Euro 8 per studenti dell’Università di Bologna (su presentazione del tesserino o del libretto universitario).

La Biglietteria è aperta dalle ore 20.30 nei luoghi di spettacolo.Non è prevista prevendita.

SUONI DAL MONDO ha ospitato negli anni artisti non solo rappresentativi di un genere musicale, ma espressione di un’etnia, spesso presentati prima che fossero noti a livello internazionale: citiamo ad esempio Le Voci Bulgare (1990), Moni Ovadia (1993), gli allora sconosciuti Taraf D’Aiduks (1993), i Tenores di Bitti (1996) ancora prima che incidessero con Peter Gabriel, la Kočani Orkestar (1998) e l’Opera di Pechino (1999).

La vocazione sociale del Festival inoltre, volta a promuovere l’incontro tra culture diverse attraverso la valorizzazione della loro produzione musicale, si concretizza anche nell’offerta di un pacchetto di ingressi omaggio per cittadini extracomunitari presenti a Bologna nei giorni del festival. La distribuzione degli omaggi avviene attraverso la collaborazione con il Servizio per Immigrati del Comune di Bologna.

Per informazioni: CIMES: Tel. 051.2092414 / 418; www.muspe.unibo.it/cimes
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.