Spagna: secondo un giudice, il file sharing 'è socialmente accettato'

Un giudice spagnolo, Paz Aldecoa, ha gettato nel panico l’industria discografica locale scagionando totalmente un individuo accusato di “caricare” e “scaricare” musica su Internet illegalmente e di effettuare su richiesta copia dei file su cd masterizzati. Punirlo o etichettarlo come un ladro, ha argomentato il magistrato nella sua sentenza, equivarrebbe a criminalizzare “un comportamento socialmente ammesso e ampiamente praticato, il cui scopo non è di arricchirsi illegalmente ma di realizzare copie private”.
Contro la decisione, che rischia di “sdoganare” presso l'opinione pubblica il file sharing non autorizzato, l’organizzazione dei discografici locali Promusicae ha naturalmente intenzione di presentare appello: gli esponenti dell’industria invocano per il “pirata” spagnolo due anni di carcere e un risarcimento danni pari a 25 mila euro.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.