Comunicato Stampa: 'Liguria - Voci e Strumenti' al Festival Suoni dal Mondo

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITÀ DI BOLOGNA
Dipartimento di Musica e Spettacolo
CIMES

Centro di musica e spettacolo

presenta il concerto

nell'ambito del Festival SUONI DAL MONDO - XVII edizione

LIGURIA: VOCI E STRUMENTI

I cantori di Ceriana
Il piffero delle Quattro Provincie
Sabato 4 novembre ore 21.30
In AUDITORIUM
Via Azzo Gardino 65/a, Bologna

Prosegue la 17° edizione del Festival di musica etnica SUONI DAL MONDO organizzato dal CIMES, Centro del Dipartimento di Musica e Spettacolo (DMS) dell’Università di Bologna, a cura di Nico Staiti. Festival "di confine", Suoni dal Mondo propone musiche tradizionali che esulano da logiche di mercato e di consumo ma che siano espressione di determinate culture a noi meno note (nei fine settimana dal 28 ottobre al 2 dicembre 2006).

Sabato 4 novembre ore 21.30 in AUDITORIUM (Via Azzo Gardino 65/a, Bologna)

LIGURIA: VOCI E STRUMENTI. I cantori di Ceriana (Compagnia Sacco) - il piffero delle Quattro Provincie (Compagnia Müsetta). Due diversi gruppi, per rappresentare la ricchezza e la varietà della produzione musicale ligure.

Questo concerto unisce due aspetti delle tradizioni vocali e strumentali delle Alpi Marittime, ai due estremi della Liguria: Ceriana, un borgo arroccato sui monti non lontano da Sanremo, e il territorio detto delle "Quattro Province" (perché compreso tra quattro province di regioni diverse: Piacenza, Pavia, Alessandria, Genova). A Ceriana la tradizione polivocale, sacra e profana, è tra le più consistenti d'Italia; la Compagnia Sacco (di dieci elementi) che unisce molti dei più bravi cantori del paese, continua a tramandare la tradizione locale del canto a bordone. Nell'area delle Quattro Provincie è viva la tradizione del piffero, un oboe che suona con la fisarmonica. Parte importante del repertorio sono i balli, quelli più arcaici, comunemente detti "vecchi" (monferrina, alessandrina, giga, piana, perigurdino, bisagna), e balli "moderni" (valzer, polca, mazurca). Ettore Losini "Bani" e Attilio Rocca "Tilion" (gruppo Műsetta) sono i maggiori rappresentanti della tradizione piacentina del piffero.

BIGLIETTI per i concerti (invariato dal 2003): intero Euro 11; ridotto Euro 9 per soci Cartagiovani, Over 60 o Coop Adriatica (su presentazione della tessera); ridotto Euro 8 per studenti dell’Università di Bologna (su presentazione del tesserino o del libretto universitario).

La Biglietteria è aperta dalle ore 20.30 nei luoghi di spettacolo, solo le sere di concerto.

Non è prevista prevendita.

Per informazioni: CIMES: Tel. 051.2092414 / 418; www.muspe.unibo.it/cimes
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.