Ok del governo, nasce a Londra una scuola per la musica dal vivo

Il governo inglese ha approvato lo stanziamento di fondi per la creazione di una scuola destinata a formare professionisti nel settore della musica e dello spettacolo dal vivo: il budget di previsione supera i 10 milioni di sterline (quasi 15 milioni di euro), inclusi i contributi, circa 3 milioni di sterline, che arriveranno dagli investitori privati. La “Academy for the Live Performing Arts and Music”, questo il nome della nuova istituzione accademica, avrà sede a Thurrock sul Thames Gateway (la zona orientale di Londra che si affaccia sul Tamigi e che in questi ultimi anni sta diventando il cuore del suo sviluppo urbanistico e imprenditoriale) estendendosi su un’area di 14 acri; organizzerà corsi di specializzazione tecnica (gestione impianti audio e luci negli spettacoli dal vivo, realizzazione delle scenografie da palco, ecc. ) coinvolgendo in veste di docenti molti operatori affermati del settore. Tra i promotori e finanziatori del progetto figurano la casa discografica EMI, il Sindacato Nazionale dei Musicisti e la società di organizzazione di concerti Live Nation e il teatro Royal Opera House, riuniti nel comitato Creative and Cultural Skills. “Tutti noi riconosciamo l’importante contributo economico e culturale della musica dal vivo”, ha detto il presidente della EMI Eric Nicoli, aggiungendo che “l’accademia aiuterà a colmare le lacune che tuttora esistono in questo campo nello sviluppo delle competenze tecniche e professionali”.
In Gran Bretagna la musica dal vivo è un business che impiega circa 84 mila addetti, generando 4 miliardi di sterline (quasi 6 miliardi di euro) di fatturato all’anno.
Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.