Un italiano dietro il successo dei Gnarls Barkley

In occasione della loro unica data italiana, per i festeggiamenti del marchio Replay, i Gnarls Barkley hanno parlato del successo planetario raccolto con il singolo “Crazy” e l’album “St. Elsewhere”. Danger Mouse e Cee Lo hanno spiegato che la loro musica nasce dall’amore per le colonne sonore degli spaghetti western italiani, ed è per questo che hanno voluto con loro un giovane musicista italiano: Davide Luppi. “Brian Burton (in arte Danger Mouse) notò in un negozio “An italian story”, il mio omaggio del 2004 alle colonne sonore degli spaghetti western”, ha spiegato lo stesso Luppi. “Si è subito innamorato del suono che io ho creato rintracciando i Marc 4, il gruppo di musicisti di Trovajoli e di tutti i più grandi compositori. C’è anche Alessandro Alessandroni, cui si devono i ‘fischi’ dei film di Morricone”. (Fonte: La Repubblica)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.