Yoko Ono denuncia EMI e Capitol, vuole 10 milioni di dollari

Yoko Ono denuncia EMI e Capitol, vuole 10 milioni di dollari
Yoko Ono ha denunciato la EMI Group PLC e la Capitol Records Inc. chiedendo 10 milioni di dollari di danni per delle royalties che non sarebbero state versate al suo ex marito, John Lennon. L’atto legale è stato depositato dagli avvocati della vedova Lennon presso la Supreme Court di Manhattan, New York; vi si specifica come le due etichette abbiano –sempre secondo l’accusa- deliberatamente trattenuto, illegalmente, somme di denaro che sarebbero invece dovute confluire nelle royalties da girare all’ex Beatle. La portavoce delle etichette, Jeanne Meyer, non ha commentato la vicenda ma ha riferito che dispute di questo genere sono piuttosto comuni e che, 99 volte su 100, si risolvono tranquillamente fuori dal tribunale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.