Il fondatore di MySpace: 'La vendita a Murdoch è una frode agli azionisti'

Secondo Brad Greenspan, fondatore della società (Intermix Media) che ha lanciato MySpace, il sito di socializzazione e scambio on-line vale molto, molto di più dei 580 milioni di dollari pagati dalla News Corp. di Rupert Murdoch per aggiudicarselo (vedi News). Almeno 20 miliardi di dollari, a suo dire: tanto che lo stesso Greenspan, che fin dall’inizio (e anche in tribunale) si era opposto alla vendita a Murdoch, ha deciso di chiedere un’inchiesta federale su un’operazione che, secondo lui, è stata condotta in porto ingannando e defraudando gli azionisti della società.
Il suo indice accusatore è puntato principalmente contro l’ex amministratore delegato di Intermix, Richard Rosenblatt, reo di avere occultato e distorto la vera situazione economico-finanziaria della società allo scopo di chiudere in fretta l’affare. “Lui”, ha sostenuto Greenspan nel corso di un’intervista telefonica, “sapeva che MySpace vale miliardi di dollari, ed è riuscito a farla avere a News Corp. per garantirsi un vantaggio personale. A pagare, e molto, sono stati gli azionisti”. I dati di bilancio “nascosti” rivelerebbero che gli introiti di MySpace sono cresciuti molto di più di quanto si sapesse finora in pubblico, + 1289 % tra il dicembre del 2003 e il giugno del 2005. Mentre Rosenblatt per il momento non parla, News Corp. ha affidato una replica a una sua portavoce: “Si tratta semplicemente di un caso di risentimento e di invidia espressi ad alta voce. Noi abbiamo cominciato a costruire strategicamente il nostro business dal momento dell’acquisizione e solo ora stiamo cominciando a realizzare un vero valore finanziario”.
Il “rapporto” Greenspan sulla vicenda è riportato per esteso sul sito http://www.freemyspace.com.
Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.