Finanziaria 2007, credito d'imposta per gli investimenti dei discografici

Il governo Prodi aveva preso degli impegni precisi in materia, nell’ambito del dialogo istituzionale avviato con gli operatori: ma neppure i discografici, dice il presidente FIMI Enzo Mazza, si aspettavano che già nella finanziaria varata in questi giorni fosse incluso il riconoscimento di un credito d’imposta a favore delle imprese discografiche che sostengono investimenti produttivi e promozionali su registrazioni fonografiche e videoclip musicali di artisti emergenti alla loro prima o seconda opera. Il provvedimento si applica alle aziende musicali di piccole e medie dimensioni il cui fatturato annuo non supera i 15 milioni di euro, fino a un massimo (come da regolamento UE) di 100 mila euro di credito spalmati sull’arco di tre anni.
“Una misura che dovrebbe risultare sufficiente”, dice Mazza, “a rilanciare gli investimenti delle etichette indipendenti che operano nel settore. E’ la prima volta, in Italia, che vengono introdotte normative specifiche riguardanti il settore musicale inteso come comparto industriale”. “Speriamo solo”, aggiunge il presidente FIMI, “che l’effetto benefico di questo provvedimento non venga vanificato da norme generali che, prevedendo un aumento della tassazione, anche a livello locale, e il trasferimento forzoso di una parte del tfr all’INPS, finiscono per penalizzare proprio le piccole e medie imprese”.
Dello stesso parere Mario Limongelli, presidente della PMI, Produttori Musicali Indipendenti: “Abbiamo chiesto una serie di interventi a favore del settore e questo è un primo segnale di attività concreta da parte del Governo a cui dovrà seguire però una legislazione più organica”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Claudio Buja (presidente Universal Music Publishing)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.