Classifica unica per i singoli? 'Per fine 2006, inizio 2007', dice la FIMI

Una classifica istituzionale integrata dei singoli più venduti nei negozi e più scaricati dal Web, sul modello di quanto avviene da qualche mese nel Regno Unito e in altri paesi europei (vedi News), dovrebbe fare la sua comparsa in Italia “per fine anno, o al più tardi entro la primavera del 2007”: lo ha confermato a Rockol Enzo Mazza, presidente dell’associazione dei discografici FIMI che commissiona alla Nielsen la compilazione delle chart “ufficiali” di vendita (l’altro produttore autonomo di classifiche, la rivista specializzata Musica e Dischi, pubblica già una “Borsa singoli” mista, combinando dati di vendita di supporti fisici e download).
Riproposto all’attenzione pubblica da un articolo di Carlo Moretti pubblicato mercoledì (20 settembre) su La Repubblica, il tema della poca attendibilità di classifiche distinte e separate, nel momento in cui le quantità di file scaricati a pagamento da Internet superano già, e nettamente, gli acquisti di singoli nei negozi di dischi (3 milioni di pezzi contro 875 mila, nel 2005) è di costante attualità per addetti ai lavori e discografici: cosicché la FIMI, spiega Mazza, ha dato mandato a Nielsen di provvedere nei tempi più rapidi possibili. “Non ci sono particolari ostacoli da affrontare, anche perché l’integrazione ha già avuto luogo in altri paesi. Prima di arrivare a una pubblicazione ufficiale, però, la società di rilevazione deve effettuare dei test di prova, assicurarsi di ponderare nel modo più corretto le variabili statistiche e così via”. “In prospettiva”, aggiunge Mazza, “bisognerà arrivare a tener conto delle profonde trasformazioni in corso nel mercato e combinare tutte le possibili modalità di consumo. Già oggi, ad esempio, esiste una domanda per i servizi di streaming in abbonamento e per i videoclip on-demand”. Per il momento sarebbe già abbastanza integrare almeno i dati della “mobile music” e dei download sui cellulari, che le aziende telefoniche italiane continuano a non fornire. “Quello è il primo passo”, ammette Mazza. “Ma visto cosa sta succedendo oggi in Telecom…”.
Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.