Clamoroso errore sul nuovo album degli Who

Pete Townshend ha affermato d'aver commesso un clamoroso errore sul nuovo album degli Who, "Endless wire", il primo della veterana formazione britannica dal 1982. Il chitarrista, nel corso di un'intervista col "Sunday Express", ha riferito d'avere incluso in una canzone l'attrice Doris Day nel novero di una serie di personaggi morti. Il testo di "Mirror's door" recita: “Howling Wolf, and old Link Wray / Dave Van Ronk and Doris Day / Bobby Darin, Brownie McGhee / Elvis, Buddy and Eddie C.”. "Ero totalmente convinto che Doris Day fosse morta", ha detto con franchezza Townshend. Invece la Day, 82 anni, è viva e vegeta. Quando Pete si è accorto dell'errore, "Endless wire" era ormai stato stampato. L'album arriverà nelle rivendite alla fine del prossimo ottobre.
Doris Day (Cincinnati, 3 aprile 1924) esordì come attrice in "Amore sotto coperta" del 1948; recitò con, tra gli altri, Rock Hudson, Clark Gable e Cary Grant. Si ritirò dal mondo del cinema a 44 anni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.