Doug Morris (Universal): 'YouTube e MySpace ci devono un sacco di soldi'

Doug Morris (Universal): 'YouTube e MySpace ci devono un sacco di soldi'
“My Space e YouTube? Per noi è gente che infrange i nostri diritti e che ci deve decine di milioni di dollari”. Con questa bellicosa, inattesa dichiarazione il presidente di Universal Music, Doug Morris, ha zittito la platea di addetti ai lavori convenuta martedì sera (12 settembre) a un “media summit” organizzato da Merril Lynch a Pasadena, in California. I siti di “social networking”, vezzeggiati da artisti e discografici per l’enorme cassa di risonanza che offrono a chi ne fa uso, finiscono per la prima volta sotto accusa. Morris, riferiscono i reporter del sito HITS Dailydouble, ne ha spiegato i motivi, partendo da lontano: “C’è qualcosa che non funziona, quando una società prospera usando i nostri contenuti e senza riconoscerci una quota dei profitti. L’esempio classico di questo atteggiamento è stata MTV. Venticinque anni fa ha costruito sul nostro software una società che vale miliardi di dollari, in cambio di briciole. Abbiamo imparato la lezione”. “Recentemente”, ha continuato Morris, “aziende come Yahoo! e AOL hanno cominciato a offrire video-on-demand, usando i nostri clip e intervallandoli con inserzioni pubblicitarie. Abbiamo chiesto di essere pagati e ci hanno risposto di no. Abbiamo ritirato i nostri video e hanno cambiato idea: ora ci spartiamo con loro gli introiti pubblicitari”. Adesso, ha concluso Morris, è arrivato il turno di MySpace e di YouTube: “Come ci comporteremo con loro lo saprete presto. Dobbiamo ottenere una equa remunerazione da tutti i nuovi utilizzatori dei nostri contenuti. Chi ci frega la prima volta ci fa un torto. Ma se ci facciamo fregare una seconda volta, allora è colpa nostra”. Tradotto: Universal potrebbe presto citare in giudizio YouTube: e quest’ultima cercherà probabilmente in tutti i modi di evitare grane legali, nel momento in cui si parla di un suo possibile collocamento in Borsa o di una vendita tout court a un gruppo bancario.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.