eMusic in Europa: musica indie, file non protetti e compatibilità con l'iPod

Con un periodo di test gratuito (25 canzoni scaricabili a scelta, una volta che ci si è registrati al servizio) è entrata in funzione in tutta Europa eMusic, la piattaforma americana di musica digitale seconda solo ad iTunes in termini di popolarità. Il “negozio”, che ha aperto a Londra il suo ufficio centrale europeo, vanta oltre un milione di brani in catalogo, tutti di origine indipendente, e adotta una formula di vendita che la differenzia sia dal leader di mercato Apple Computer (vendita di singoli download “alla carta”) sia da aziende come Napster o Rhapsody (fruizione illimitata in cambio di un abbonamento mensile), offrendo ai consumatori l’acquisto di canzoni a “pacchetti” mensili (a partire da 12,99 dollari per 40 tracce, in Nord America, pari a 32 centesimi di dollaro a canzone). Ma la vera particolarità del servizio consiste nell’adozione di un formato mp3 di alta qualità privo di software di protezione DRM, che consente la libera circolazione dei file musicali e la loro riproduzione anche sull’iPod della Apple: proprio per questo motivo eMusic non ha ancora ottenuto l’autorizzazione a vendere il repertorio delle major.
In Europa, invece, hanno garantito la loro collaborazione ad eMusic società come Beggars Group, edel, V2, Domino e Ministry Of Sound (più alcune etichette locali; manca, tra le indie più importanti, sono la Sanctuary): abbastanza da spingere l’amministratore delegato David Pakman a dichiarare che "il monopolio di iTunes nel continente è finito".
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Claudio Buja (presidente Universal Music Publishing)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.