Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 13/09/2006

Napster fa il contrario di Apple: regala lettori mp3

Napster fa il contrario di Apple: regala lettori mp3
La Web company americana prosegue (finora non con altrettanto successo) nella sua politica speculare a quella della Apple Computer. Se l’azienda di Cupertino continua a smerciare brani digitali a 0,99 centesimi di dollaro o di euro, l'ex sito pirata punta ancora sulla musica “a noleggio” e sugli abbonamenti mensili; se Steve Jobs, notoriamente, usa la musica venduta attraverso iTunes per stimolare le vendite dei suoi iPod, il rivale lancia una promozione che prevede la distribuzione gratuita di lettori mp3 ai nuovi abbonati del suo servizio “mobile” Napster To Go. Si pagano i 14,95 dollari mensili di abbonamento e si riceve in omaggio un player con memoria flash da 512 MB capace di archiviare fino a 240 canzoni (selezionabili dal catalogo di oltre due milioni di pezzi messo a disposizione dalla piattaforma): un po’ come succede nel mercato della telefonia mobile, spiegano gli uomini di Napster, dove i maggiori operatori si sono messi a regalare cellulari per acquisire nuovi clienti. “L’industria della telefonia mobile”, sostiene il general manager inglese della società Leann Sharman, “è più matura della nostra. Ha cominciato con la vendita di apparecchi portatili, ma oggi è l’abbonamento ai servizi a guidare il business. Questo è il modello per il futuro dell’industria della musica digitale, dove il contenuto è la cosa più importante e i lettori mp3 sono prodotti usa e getta”. Chissà che ne pensa Jobs.