'Weird Al' Yankovic, il nuovo singolo scherza su industria e download pirata

“Non scaricate questa canzone”, implora tra il serio e il faceto “Weird Al” Yankovic nell’omonimo nuovo singolo, “Don’t download this song”, ascoltabile gratuitamente da qualche tempo sul suo sito Internet (c’è anche un delizioso video-cartoon di accompagnamento a firma di Bill Plympton: http://www.dontdownloadthissong.com/DDTSecard.html). L’artista californiano, celebre per le sue parodie musicali che non risparmiano nessuno (da Michael Jackson a James Blunt) non s’è lasciato scappare l’occasione di dire la sua sul tema più caldo delle cronache musicali recenti, la pirateria on-line che turba i sonni degli “sceriffi” discografici e che ha scaraventato i consumatori, per la prima volta, dalla parte dei “cattivi”. Sorretta da una appiccicosa melodia di classico stampo pop americano (con tanto di coro “sing-along” alla “We are the world”, per intenderci), la ballata se la prende scherzosamente con chi viola la legge scaricando musica da “Morpheus o Grokster o Limewire o KaZaA”. Perché, canta Yankovic, si sa come va a finire: “….cominci rubando canzoni e finisci a rapinare negozi di alcolici/ vendere crack e metter sotto scolaretti con la macchina”. Meglio non fare i furbi con la “R-I-double-A” (la RIAA, l’organizzazione dei discografici americani), ammonisce subito dopo con voce flautata, perché “ti porteranno in tribunale se masterizzi quel CD-R/non importa se sei una nonna o una ragazzina di sette anni/ti tratteranno come lo schifoso criminale incallito che sei”. E dunque, invita l’impagabile “Weird Al”, “non scaricare questa canzone” perché “anche Lars Ulrich sa che è sbagliato” (ricordate la vecchia causa tra i Metallica e Napster?) “e vatti a comprare il CD (adesso, subito) come sai che è tuo dovere fare”.
    “Non scaricate questa canzone”, implora tra il serio e il faceto “Weird Al” Yankovic nell’omonimo nuovo singolo, “Don’t download this song”, ascoltabile gratuitamente da qualche tempo sul suo sito Internet (c’è anche un delizioso video-cartoon di accompagnamento a firma di Bill Plympton: http://www.dontdownloadthissong.com/DDTSecard.html). L’artista californiano, celebre per le sue parodie musicali che non risparmiano nessuno (da Michael Jackson a James Blunt) non s’è lasciato scappare l’occasione di dire la sua sul tema più caldo delle cronache musicali recenti, la pirateria on-line che turba i sonni degli “sceriffi” discografici e che ha scaraventato i consumatori, per la prima volta, dalla parte dei “cattivi”. Sorretta da una appiccicosa melodia di classico stampo pop americano (con tanto di coro “sing-along” alla “We are the world”, per intenderci), la ballata se la prende scherzosamente con chi viola la legge scaricando musica da “Morpheus o Grokster o Limewire o KaZaA”. Perché, canta Yankovic, si sa come va a finire: “….cominci rubando canzoni e finisci a rapinare negozi di alcolici/ vendere crack e metter sotto scolaretti con la macchina”. Meglio non fare i furbi con la “R-I-double-A” (la RIAA, l’organizzazione dei discografici americani), ammonisce subito dopo con voce flautata, perché “ti porteranno in tribunale se masterizzi quel CD-R/non importa se sei una nonna o una ragazzina di sette anni/ti tratteranno come lo schifoso criminale incallito che sei”. E dunque, invita l’impagabile “Weird Al”, “non scaricare questa canzone” perché “anche Lars Ulrich sa che è sbagliato” (ricordate la vecchia causa tra i Metallica e Napster?) “e vatti a comprare il CD (adesso, subito) come sai che è tuo dovere fare”.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.