Comunicato Stampa: 'Mina... che cosa sei?', il musical

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Dal 29 settembre al Teatro Ventaglio Smeraldo

Mina … che cosa sei?

ANTEPRIMA NAZIONALE

Per la prima volta in Italia al Teatro Ventaglio Smeraldo di Milano dal 29 settembre “il miglior musical argentino dell’anno” (Premio Clarin), lo l’attesissimo spettacolo-evento latino-americano, tributo alle più belle canzoni dell’italianissima Mina.

A quarant’anni da “Se telefonando”, la mitica canzone portata al successo dalla “Tigre di Cremona”, dopo lo straordinario successo raccolto a partire dal 2003 al Teatro El Nacional di Buenos Aires, approda in Italia l’attesissimo “Mina … che cosa sei?”, il pluripremiato musical argentino interamente costruito con le canzoni di Mina.
Che la cantante di Cremona fosse amatissima non solo in Italia, ma in tutto il mondo e in particolar modo dal mercato spagnolo e latino-americano, è cosa risaputa. Ma che una compagnia argentina decida di dedicare a Mina un intero musical, intrecciato su alcune delle canzoni più famose da lei interpretate, tra cui “Bellezza in bicicletta”, “Le mille bolle blu”, “Ho un sassolino nella scarpa”, “Lo shampoo”, “Se telefonando”, e molte altre, - è certo un ennesimo segnale della sua grande e consolidata fama a livello internazionale.
Scritto da Elena Roger e Valeria Ambrosio, per la regia di quest’ultima, “Mina … che cosa sei?” è interpretato da Diego Reinhold e Ivana Rossi, stella nascente del musical argentino, la quale, con la sua voce privilegiata, dotata di un ampio registro e arricchita da una modulazione limpida e caldamente lucente, non tenta di imitare Mina, ma spettacolarizza le sue canzoni in modo del tutto personale.
In scena una donna, impegnata in un concerto: la sua mente va altrove e comincia a fantasticare con un musicista del quale piano piano si innamora e tutti i loro sogni passano attraverso i brani resi famosi dall’inconfondibile voce di Mina. In scena con loro non solo le canzoni, suonate dal vivo da un’orchestra di quattro elementi diretti da Gabriel Goldman, ma anche scene, ambientazioni, usi e costumi dell’Italia degli anni ‘60, per un vero e proprio tuffo nel periodo d’oro della musica italiana.
Vincitore di quattro premi come miglior direzione musicale, miglior protagonista femminile, miglior protagonista maschile e miglior illuminazione scenica, “Mina … che cosa sei?” si è aggiudicato nel 2004 il prestigioso Premio Clarin come miglior spettacolo musicale dell’anno.
Finalmente in Italia “Mina che cosa sei?” inizierà proprio a Milano la sua tournée. Un’occasione imperdibile per ripercorrere i più grandi successi di una delle cantanti più apprezzate e famose del panorama nostrano e internazionale e rivivere il periodo d’oro della musica italiana.
Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.