Ricerca inglese: impazzano i 'community websites', mobile music già in stallo?

Ricerca inglese: impazzano i 'community websites', mobile music già in stallo?
Risultati più interessanti e meno scontati del solito arrivano da “The 2006 digital music survey”, una ricerca a campione condotta dall’ente inglese Entertainment Media Research in collaborazione con lo studio legale Olswang. I dati raccolti dai ricercatori britannici forniscono innanzitutto una conferma: i “community websites” in cui gli utenti di Internet si scambiano notizie, opinioni, suggerimenti, commenti e, ovviamente, anche video e file musicali sono sempre più importanti nella scoperta e promozione di talenti nuovi o relativamente poco conosciuti; il 73 % degli intervistati da EMR rivela di avere conosciuto proprio in questo modo alcuni dei suoi artisti preferiti, mentre il 47 % ha convertito questo interesse nell’acquisto di cd e/o di download. Un numero ancora maggiore di persone (il 53 %) ha scaricato musica gratuitamente dai siti di “social networking" mentre il 63 % li ha usati per raccomandare ad altri i propri artisti preferiti, innescando quella forma di marketing “virale” e per passaparola che nel sovraffollato panorama mediatico di oggi diventa sempre più importante e affidabile. MySpace, citato dal 35 % degli intervistati (il 56 % tra i 13-17enni) resta il portale più frequentato dagli appassionati di musica , seguito da MSN Spaces (25 %) MSN Groups (21 %), Bebo (18 %) e YouTube (17 %: ma altre ricerche lo segnalano in gran crescita e già più popolare dello stesso MySpace, vedi News).
La sorpresa (relativa) riguarda invece gli scenari della guerra prossima ventura tra lettori musicali portatili e telefoni cellulari 3G. Il campione di EMR mostra di preferire idealmente un cellulare capace di riprodurre anche file musicali (così il 46 % delle risposte) a un lettore musicale con telefonino incorporato (21 %); anche tra i possessori di iPod, sia pure in percentuali diverse, le tendenze sono le stesse. Eppure, avverte la ricerca, il mercato della mobile music rischia ugualmente di ripiegare su se stesso: il 44 % degli intervistati dichiara di non avere intenzione di mettersi a scaricare musica da un cellulare da qui a sei mesi, mentre coloro che dicono di essere interessati a questa modalità di consumo sono solo il 25 %.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.