MySpace fa un passo avanti: venderà musica in dowload per gli artisti

Entro fine anno, negli Stati Uniti, MySpace inizierà a vendere musica in download per conto degli artisti che pubblicano pagine Web sul portale, consentendo ai loro fan di acquistarla senza doversi trasferire su un altro indirizzo Internet (finora sul sito la musica era disponibile solo per l’ascolto in streaming). Il supporto tecnico necessario al funzionamento del nuovo servizio, attualmente in fase di sperimentazione, è fornito da Snocap, la società creata dall’ideatore di Napster Shawn Fanning (vedi News) che è partner dell’iniziativa e che ne gestisce il database assicurandosi che le transazioni economiche vengano compiute da chi ne ha effettivamente diritto. Attraverso l’interfaccia creata dalla azienda di Fanning gli utenti possono scorrere il catalogo di canzoni poste in vendita e acquistarle nel formato mp3 privo di protezione anticopia (il che fa supporre che saranno quasi esclusivamente band emergenti o prive di contratto discografico a usufruirne). Sarà l’artista stesso a decidere il prezzo del download, riconoscendo a MySpace e Snocap una percentuale, non meglio precisata, degli introiti.
“Questo vuol dire che una band dello Iowa potrà raggiungere facilmente gli utenti di MySpace che si trovano a Los Angeles e arrivare, potenzialmente, a 6 milioni di persone vendendo musica in un luogo che i suoi fan sono abituati a visitare” ha spiegato Chris DeWolfe, amministratore delegato della società di Los Angeles che oggi è controllata dal gruppo News Corp. di Rupert Murdoch (vedi News). Il bacino di utenza potenziale del servizio è enorme: MySpace ospita oggi pagine autogestite di oltre 3 milioni di solisti o gruppi musicali, e gli stessi fan sono invitati a pubblicare sulle loro pagine Web il link al “negozio” autogestito dall’artista preferito, amplificandone così la penetrazione e la visibilità. Secondo Terry McBride, ad dell’etichetta canadese Nettwerk Records e manager di gruppi abbonati ai servizi di MySpace, questa è la strada del futuro: “E’ un passo nella giusta direzione. Crediamo fermamente che il prossimo grande rivenditore di musica sarà il consumatore stesso”.
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.