UK: mensili e settimanali rock scoppiano di salute, traballano quelli pop

UK: mensili e settimanali rock scoppiano di salute, traballano quelli pop
Rock a gonfie vele, pop in altalena. Le tendenze delle classifiche discografiche inglesi si riflettono nell’andamento di mensili e settimanali musicali, i cui dati di vendita aggiornati sono stati resi noti nei giorni scorsi dalla fonte ufficiale ABC. Con una media di 158.271 copie vendute al mese, Q resta la testata musicale più letta del Regno Unito tra il gennaio e il giugno del 2006 ma perde leggermente, l’1,3 %, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; cresce, in compenso, il pubblico della consorella Mojo (stesso gruppo editoriale, Emap), oltre 121 mila lettori e un balzo del 6,2 % rispetto al primo semestre 2005. Top Of The Pops e Uncut, numero tre e quattro della graduatoria dal profilo estremamente diverso, sono entrambe in difficoltà: il mensile legato al celebre marchio televisivo (che ha appena chiuso i battenti in Gran Bretagna, vedi News) ha perso il 16,6 % dei lettori e naviga oggi poco sotto le 117 mila copie a numero, mentre Uncut (musica, cinema, dvd con un orientamento al mercato “adulto”) fallisce il tentativo di rilancio perdendo il 19,3 % e scendendo a 88.756 copie.
Con lo storico sorpasso operato ai danni dell’NME (vedi News), 80.186 copie (+ 24,2 %) contro 74.206 (+ 0,8 %), il settimanale Kerrang!, stesso editore di Q e Mojo, simboleggia la carica delle riviste hard rock e metal snobbate dai pubblicitari ma tutte in ottima salute: a dispetto della crescita di informazioni disponibili su Internet Classic Rock (8° posto, 56.037 mila lettori), Metal Hammer (10°, 45.359 lettori) e Rock Sounds (13°, 23,254 lettori) risultano tutte in crescita, mentre arretrano pesantemente testate come It’s Hot!, TV Hits (- 35,2 %) e Mixmag.
Il leader di mercato, Q, si accinge intanto a festeggiare il ventennale, in ottobre, con una edizione da collezione (20 copertine diverse, ognuna raffigurante un artista o gruppo particolarmente rilevante nella storia della rivista) e la decisione, piuttosto significativa, di abbandonare la consuetudine del cd allegato: i lettori del mensile, ha spiegato a Music Week il direttore editoriale Paul Cheal, non lo vogliono più dal momento che preferiscono scaricarsi la musica dalla rete. Non così i più maturi lettori di Mojo, che infatti continuerà ad allegare le sue belle compilation tematiche a ogni nuova uscita della rivista. Almeno per ora.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.