Previsioni di mercato: in Europa dal 2010 torna il sereno

Previsioni di mercato: in Europa dal 2010 torna il sereno
Ancora tre anni di sofferenze, poi finalmente la discografia europea potrà dire a se stessa che il peggio è passato. Questo lo scenario relativamente ottimistico dipinto dalle più recenti proiezioni sui consumi legali di musica digitale elaborate, in questo caso, dalla società di ricerche Screen Digest. Il suo ultimo rapporto, “Online Music in Europe: Market Assessment and Forecast” pronostica che le vendite di musica in rete possano valere 1,1 miliardi di euro nel 2010 (121 milioni di euro il fatturato 2005, 280 milioni quello previsto per fine 2006) in relazione alla crescita nel continente delle connessioni a banda larga e del parco dei lettori digitali portatili, che per quella data dovrebbero toccare quota 80 milioni di pezzi (29 milioni nel 2005, tasso di penetrazione del 7 %).
Grazie a questo incremento netto e progressivo, l’industria musicale dovrebbe finalmente riuscire a tamponare le perdite che, dal 2001 a oggi, hanno eroso al mercato il 22 % del suo valore: colpa, secondo l’analista Dan Cryan, non solo della pirateria digitale (che è in declino), ma anche delle strategie dei grandi megastore che, come Virgin e HMV, hanno progressivamente ridotto le superfici espositive a disposizione dei cd per fare spazio a telefonini, videogiochi, libri e dvd (concorrenti diretti, la cui crescita corrisponde cronologicamente al crollo dei supporti musicali).
Nel suo studio, Cryan lancia tuttavia un monito all’industria: da solo, il boom del mercato digitale non sarà sufficiente a invertire la tendenza negativa, ed è necessario che i manager musicali si diano da fare per ottenere il massimo vantaggio possibile dalle nuove piattaforme di distribuzione, on-line e mobile. Uno studio di Forrester Research pubblicata in marzo, tuttavia, suggerisce di non dare ancora per morto il cd audio tradizionale: secondo il rapporto (vedi News) nel 2011 i due terzi del fatturato saranno ancora imputabili alla vendita di supporti “fisici” nei negozi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.