UK, boom nelle vendite di chitarre

L’esplosione delle “guitar band” di ultima generazione nelle classifiche inglesi è rispecchiata dal boom nelle vendite di chitarre che si registra attualmente nel Paese. Mai così consistente nella storia, rivelano le ultime statistiche compilate dalla Music Industries Association (MIA): quasi un milione di pezzi (470 mila tra chitarre e bassi elettrici, 520 mila chitarre acustiche) venduti nel 2005, 200 mila in più che nel 2004 e quasi il doppio rispetto al 1999, con un fatturato che per la prima volta ha infranto il muro dei 100 milioni di sterline, 147,6 milioni di euro al cambio attuale.
In Gran Bretagna la chitarra è un oggetto domestico di uso comune (e questo spiega, evidentemente, il continuo ricambio generazionale di gruppi e cantautori): secondo i dati raccolti dalla MIA la suonano più di 4 milioni di britannici, uno su due musicisti professionisti o dilettanti di sesso maschile, mentre tra le musiciste la percentuale scende al 17 %.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.