Tower Records, vendita all'asta per evitare la bancarotta?

Tower Records, vendita all'asta per evitare la bancarotta?
“Questa Torre”, scrive il sito americano HITS Dailydouble, “pende più di quella di Pisa”. E in effetti per la celebre catena di negozi musicali fondata negli anni ’60 da Russ Solomon (89 punti vendita ancora in attività) le cose sembrano andare sempre peggio: tanto che l’unica soluzione accettabile, a questo punto, consisterebbe in una liquidazione totale al miglior offerente prima che incomba la stagione cruciale degli acquisti natalizi. Gli azionisti della società, otto in tutto e a loro volta, in parte, ex creditori, sono stati costretti a presentare una seconda istanza fallimentare presso un tribunale del Delaware, schiacciati dal peso di debiti che ammontano a 87 milioni di dollari complessivi, 70 dei quali nei confronti delle quattro major distributrici (EMI, Universal, Warner Music e Sony BMG).
Fallito il piano di ristrutturazione proposto un paio di anni fa (vedi News), i creditori chiedono l’immediata vendita all’asta degli “asset” aziendali, anche perché Tower nel frattempo continua a perdere denaro: colpa, sottolineano i suoi proprietari, del declino generalizzato delle vendite di prodotti audiovisivi e della intensa concorrenza da parte del downloading, legale e illegale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.