Siti web: YouTube più popolare di MySpace

Siti web: YouTube più popolare di MySpace
Rupert Murdoch ha sborsato recentemente 332 milioni di sterline, oltre 473 milioni di euro, per mettere le mani su MySpace, il più chiacchierato dei “community website” esistenti in Rete (vedi News). Ma YouTube, la piattaforma on-line che consente di vedere e scambiarsi liberamente una enorme quantità di videoclip musicali, secondo i più accreditati analisti finanziari vale molto di più: un miliardo di dollari, tanto che cominciano già a circolare voci di un possibile collocamento in Borsa della società.
Recenti indagini di mercato indicano che anche in puri termini di traffico e affluenza YouTube è già molto più popolare di MySpace. Secondo uno studio pubblicato dalla Alexa, il primo assorbe oggi il 3,9 % del totale delle visite quotidiane effettuate dagli utenti Internet, contro il 3,35 % del secondo; intanto Nielsen/Net Ratings registra per la prima metà del 2006 un incremento della base utenti americana di YouTube del 297 % (mentre i tassi di crescita di MySpace sono al di sotto del 10 %), e in Gran Bretagna il sito di video-sharing ha già superato i contatti di quelli della Bbc.
“YouTube ha un appeal più universale di MySpace, trattandosi di un sito di puro intrattenimento capace di attrarre un pubblico globale”, ha spiegato al quotidiano britannico Guardian Dan Calladine, direttore ricerche presso la società digitale Isobar. Altri esperti, come Mark Mulligan di Jupiter Research, sostengono che di questo passo YouTube possa persino minacciare l’egemonia di mercato della Apple, dell’iPod e di iTunes. “Se svilupperanno un servizio che consentirà di portarsi in giro i video scaricati”, ha dichiarato sempre al Guardian Mulligan, “allora la Apple potrebbe trovarsi nell’insolita posizione di dover inseguire”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.